Milleproroghe, Csvnet: “Per il non profit situazione peggiorata”

ROMA – La situazione per il non profit è peggiorata rispetto allo scorso anno. Lo sostiene Marco Granelli, presidente del Csvnet in una nota. “Il Senato ha approvato il 26 febbraio in via definitiva la conversione in legge del decreto milleproroghe; nessuna sorpresa su cinque per mille e agevolazioni delle tariffe postali per il non-profit. Tutto è bene quel che finisce bene per il non profit? In realtà  la situazione è peggiorata rispetto allo scorso anno. Il cinque per mille per il 2011 sarà  caratterizzato da un tetto dei fondi fissato a 400 milioni di euro, con l’ulteriore vincolo per cui fino a 100 di questi milioni saranno devoluti all’assistenza e ricerca per i malati di Sla”. 

“Il problema – prosegue la nota – è che il tetto e il vincolo dei fondi per la Sla snaturano lo strumento del cinque per mille, che così rischia sempre di più di assomigliare ad un fondo statale e quindi di essere sempre meno un modo strutturale con cui i cittadini ogni anno danno una piccola parte delle proprie tasse ad un soggetto privato che opera per l’interesse generale, scelto da loro stessi e riconosciuto dallo Stato perché attua i principi di sussidiarietà  e solidarietà ”.

“Il cinque per mille deve diventare legge al più presto – commenta Marco Granelli, presidente di Csvnet, il Coordinamento nazionale dei Centri di servizio per il volontariato – per realizzare il principio costituzionale di un riconoscimento e sostegno da parte dello Stato al non profit, come soggetto determinante per una società  più partecipata, democratica, coesa e solidale, come ha ricordato il presidente della Repubblica lo scorso 5 dicembre”.

Il Milleproroghe permette inoltre di reintegrare nel 2011 le agevolazioni alle tariffe postali per il non profit, tolte dal governo il 1 aprile 2010. Peccato però che i fondi stanziati sono passati dai 273.84 milioni di euro del 2008 ai soli 30 milioni di quest’anno. Le risorse per le agevolazioni basteranno per poco tempo; così il non profit, dopo aver trascorso quasi un anno senza agevolazioni, tornerà  tra due o tre mesi al massimo a non avere sconti e a pagare di nuovo la tariffa piena per l’invio delle comunicazioni via posta.

“Tutto questo – continua Granelli – accade grazie a provvedimenti triturati nella logica dei voti di fiducia, dei maxiemendamenti, della contrapposizione politica tra maggioranza e opposizione, del predominio delle singole lobbies di piccoli poteri che impediscono scelte politiche strategiche e lungimiranti di responsabilità  e di sviluppo. Il non profit è abituato a portare avanti le proprie attività  con le proprie forze, ma non possiamo esimerci, nell’Anno dedicato al Volontariato, dal chiedere a parlamento, governo e mondo della politica di dialogare con il non profit in maniera stabile e paritetica, e di assumere interventi concreti e strutturati come la stabilizzazione del cinque per mille, le agevolazioni fiscali per chi dona risorse al non profit, una maggiore semplificazione normativa che limiti la burocrazia e lo stanziamento di ulteriori risorse da spendere sulle agevolazioni postali per tutto il 2011”, conclude il presidente di Csvnet.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

La lobby delle medicine non paga la crisi nel Paese delle truffe

L’industria punta sulla tecnologia e taglia i venditori. La minaccia alla politica che vuole rinegoziare i prezzi
Occupazione a rischio se cambiano le regole

Denuncia su Sollicciano: «Botte a un detenuto»

Un «nuovo episodio di intimidazione e violenza» nel carcere di Sollicciano: lo denucniano i consiglieri provinciali di Rifondazione comunista Andrea Calò e Lorenzo Verdi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment