Amnesty: condanne a morte in calo nel mondo, ma non in Cina

Il numero complessivo delle esecuzioni ufficiali registrato da Amnesty International è calato da almeno 714 nel 2009 ad almeno 527 nel 2010, ma l’organizzazione ricorda come la Cina abbia messo a morte migliaia di prigionieri nel 2010 di cui è difficile conoscere il numero esatto perchè “continua a mantenere il segreto sull’uso della pena di morte”. “La minoranza degli stati che continua a usare sistematicamente la pena di morte è stata responsabile di migliaia di esecuzioni nel 2010, sfidando la tendenza globale contro la pena capitale” – ha dichiarato Salil Shetty, Segretario generale di Amnesty International.

“Mentre le esecuzioni paiono essere in declino, un numero di paesi continua a emettere condanne a morte per reati legati alla droga, reati di natura economica, per relazioni sessuali tra adulti consenzienti e per blasfemia, violando il diritto internazionale dei diritti umani che vieta l’uso della pena capitale salvo per i crimini più gravi” – ha proseguito Shetty. Due regioni, Asia e Medio Oriente, sono state responsabili della maggior parte delle esecuzioni nel 2010. La Cina ha usato la pena di morte nei confronti di migliaia di persone per un’ampia serie di reati, anche di natura non violenta e al termine di procedimenti che non hanno rispettato gli standard internazionali sui processi equi.

Un significativo numero di esecuzioni e condanne a morte nel 2010 ha riguardato reati legati alla droga in Arabia Saudita, Cina, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Indonesia, Iran, Laos, Libia, Malesia, Thailandia e Yemen. Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Iran, Pakistan e Sudan hanno ignorato i divieti internazionali e hanno emesso condanne a morte per reati commessi a un’età  inferiore a 18 anni.

Il rapporto di Amnesty International mette in evidenza una serie di passi indietro: nel 2010, sei paesi e territori hanno eseguito condanne a morte dopo un intervallo nelle esecuzioni e un paese ha esteso ad altri reati l’applicazione della pena capitale. “Nonostante i passi indietro, gli sviluppi del 2010 ci hanno ulteriormente avvicinato all’abolizione globale. Il presidente della Mongolia ha annunciato una moratoria sulla pena di morte, un passo importante in un paese dove la pena capitale è ancora un segreto di stato. Per la terza volta e con un sostegno ancora più ampio, l’Assemblea generale dell’Onu ha chiesto una moratoria globale sulle esecuzioni”- ha sottolineato Shetty.

Dal 2003, meno della metà  dei paesi mantenitori ha eseguito condanne a morte. Meno di un terzo di essi ha eseguito condanne a morte ogni anno nell’ultimo quadriennio. “Ogni paese che continua eseguire condanne a morte sfida le norme sui diritti umani e gli organismi delle Nazioni Unite, entrambi affermano che l’obiettivo finale di ogni paese dovrebbe essere l’abolizione della pena capitale. Un mondo libero dalla pena di morte non solo è possibile, è inevitabile. La domanda è quanto ci vorrà ” – ha concluso Shetty.

La tendenza mondiale verso l’abolizione della pena di morte ha conosciuto negli anni ’90 una decisa accelerazione, sostenuta dai principali organi internazionali come la Commissione sui diritti umani dell’Onu. Nel 2007, nel 2008 e nel 2010, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede una moratoria sulle esecuzioni e impegna il Segretario generale dell’Onu a riferirne l’effettiva implementazione e a riportare tale verifica nelle successive sessioni dell’Assemblea. Tali risoluzioni, sebbene non vincolanti, portano con sé un considerevole peso politico e morale e costituiscono uno strumento efficace nel persuadere i paesi ad abbandonare l’uso della pena di morte.

SINTESI REGIONALI

  • Americhe
    Negli Stati Uniti d’America, unico paese del continente che esegue condanne a morte, nel 2010 sono state emesse 110 sentenze capitali, un terzo di quelle che si registravano a metà  degli anni Novanta. Nel 2011, l’Illinois è diventato il 16° stato degli Usa ad aver abolito la pena capitale.
  • Asia e Pacifico
    Nel 2010 Amnesty International non ha potuto fornire dati complessivi sull’uso della pena di morte in Cina, Corea del Nord, Malesia, Singapore e Vietnam, tutti paesi in cui è comunque certo che vi siano state esecuzioni. Sono state registrate almeno 82 esecuzioni in altri cinque paesi della regione.Undici paesi hanno emesso sentenze capitali ma hanno continuato a non eseguire condanne a morte: Afghanistan, Brunei Darussalam, Corea del Sud, India, Indonesia, Laos, Maldive, Myanmar, Pakistan, Sri Lanka e Thailandia. Le isole del Pacifico sono rimaste zona libera dalle condanne a morte e dalle esecuzioni. Nel gennaio 2010 il presidente della Mongolia ha annunciato una moratoria sulle esecuzioni in vista dell’abolizione della pena di morte.
  • Europa e Asia Centrale
    Dopo che nel 2009 non erano state registrate esecuzioni in Europa e nelle ex repubbliche sovietiche, nel marzo 2010 in Bielorussia sono state eseguite due condanne a morte e ne sono state emesse altre tre.
  • Medio Oriente e Africa del Nord
    Rispetto al 2009, sono state registrate meno condanne a morte ed esecuzioni. Tuttavia, laddove è stata applicata, la pena di morte è stata spesso usata al termine di processi iniqui e per reati, quali quelli legati alla droga e all’adulterio, che non sono riconosciuti come “reati più gravi” e dunque in violazione delle norme internazionali. In Algeria, Giordania, Kuwait, Libano, Marocco e Sahara Occidentale, Tunisia ed Emirati Arabi Uniti sono state emesse condanne a morte ma hanno continuato a non registrarsi esecuzioni. Le autorità  dell’Iran hanno ammesso l’esecuzione di 252 prigionieri, tra cui cinque donne e un minorenne. Amnesty International ha ricevuto resoconti credibili relativi a oltre 300 ulteriori esecuzioni ufficialmente non rese note, la maggior parte delle quali nella prigione di Vakilabad, provincia di Mashhad, e per reati legati alla droga. Quattordici sono state le esecuzioni in pubblico. Nel paese, continuano e essere emesse un gran numero di sentenze capitali.
  • Africa subsahariana
    Nel 2010 un altro paese africano, il Gabon, ha eliminato la pena di morte, diventando così il 16° paese abolizionista dell’Unione africana. Esecuzioni hanno avuto luogo in quattro paesi: Botswana (1), Guinea Equatoriale (4), Somalia (almeno 8) e Sudan (almeno 6).

Related Articles

Guerriglia per le strade di Lampedusa gli abitanti contro i tunisini, 11 feriti

 Esplode la rabbia, poi la polizia carica. Maroni: tutti via in 48 ore. La rivolta.  L’inferno scoppia quando i migranti prendono tre bombole di gas: “Le facciamo saltare”. Aggredite le troupe delle televisioni. Sassaiole e ronde: in paese è caccia allo straniero. In sei salvati dal linciaggio. Tre carabinieri e un agente in ospedale

Cpt, si cambia ma non chiudono “Via al piano per lo svuotamento”

Fuori colf e badanti. De Mistura: sistema inefficace e troppo caro (la Repubblica, GIOVEDÌ, 01 FEBBRAIO 2007, Pagina 24 –

Lampedusa, in fiamme l’indifferenza

Scontri tra migranti, polizia e isolani. Aggrediti i giornalisti, mentre il governo è assente ingiustificato

”Basta! Lasciateci in pace!!! Non ne possiamo più di migranti, politici, giornalisti e associazioni”.
Una voce femminile, che non dice altro, prima di interrompere la conversazione. Con rabbia, tanta. Che pare di vederla anche al telefono. Il numero è quello del ristorante Delfino Blu, di Lampedusa.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment