E con la scusa della par condicio studia lo stop ai talk show

Ora dice: «Lavoriamo per cambiare il testo della responsabilità  civile». Ce l’avete con i giudici? «È proprio l’opposto. Viste le reazioni di Anm, magistrati del centrosinistra e Csm che, scommetto, ripeterà  il refrain dell’Anm, semmai l’offensiva è contro di noi. Che abbiamo l’unico torto di rispettare il programma del governo». C’era pure la responsabilità ? «Nella riforma della giustizia c’è la responsabilità , tradotta dopo il referendum dell’87 in una legge inutile che ha prodotto 400 richieste e 4 condanne». Come la cambiate? «In modo che garantisca indipendenza e serenità  del giudice nell’interpretare la legge, ma dia al cittadino certezza di avere i mezzi per tutelarsi dagli errori». Non vi pare di esagerare? «Non capisco perché quando l’Europa ci bacchetta in tema di concorrenza corriamo ad adeguarci, mentre per la giustizia si scatenano polemiche dallo spirito conservativo». Perché siete “recidivi” contro le toghe. «Una seria responsabilità  è nell’interesse della stragrande maggioranza dei giudici che svolge in silenzio un lavoro serio e insostituibile. A temerla sarà  chi non fa il suo dovere».


Related Articles

IL MANIFESTO. UNA NUOVA STORIA

La storia della nostra cooperativa è finita. Entro domani i liquidatori riceveranno le «proposte vincolanti» di chi è interessato all’acquisto della testata. Care lettrici e lettori, care compagne e cari compagni, tra quindici giorni gli abbandoni, gli addii polemici, le porte sbattute, le dimissioni alle quali vi abbiamo fatto assistere nelle ultime settimane finiranno necessariamente.

In Ucraina «la legge anti-proteste cambierà»

? Proteste a Kiev © Reuters

La tregua. Aperture all’opposizione, sempre più frammentata. Yanukovich si dice pronto al rimpasto di governo

Se un tweet diventa la prova per una condanna

Un giudice: come un urlo alla finestra La società  si oppone: messaggi privati

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment