Frenata del fabbisogno: a febbraio cala di 5 miliardi

Il miglioramento del saldo di febbraio – stando a quanto ha comunicato ieri sera il ministero dell’Economia – è da attribuire al «buon andamento del gettito fiscale e ad una contenuta dinamica dei pagamenti, in particolare per quelli effettuati dalle amministrazioni territoriali». Variazione significativa che ora attende di essere confermata dall’andamento delle principali variabili di finanza pubblica per l’anno in corso. Il fabbisogno fotografa l’andamento di cassa, dunque è suscettibile di variazioni contabili mensili che a volte risultano difficilmente comparabili con l’anno precedente. 
In gennaio, ad esempio, la variazione negativa (2 miliardi di passivo contro un avanzo di 4,1 miliardi del gennaio 2010) era quasi interamente da imputare alla tranche di 1,2 miliardi del prestito a favore della Grecia, in ossequio agli impegni sottoscritti in sede europeo per la salvaguardia della stabilità  finanziaria dell’eurozona. Ad adiuvandum, si era registrata una «diversa calendarizzazione» dei finanziamenti netti all’Unione europea, con un impatto negativo di circa 3 miliardi, cui si erano aggiunti maggiori prelievi dalla tesoreria statale da parte delle amministrazioni locali.
Pur con queste oscillazioni mensili, si tratta di un indicatore di notevole importanza: il fabbisogno alimenta il debito, può differire dall’aggregato più ad ampio spettro utilizzato in sede europea (l’indebitamento netto di competenza), e va tenuto sotto stretta osservazione per verificare in tempo reale gli eventuali scostamenti rispetto agli obiettivi programmati.
L’indicazione di partenza per il 2011 è che il gettito fiscale tiene, e che per ora non emergono particolari elementi di tensione sul fronte della spesa. Ma come sempre occorrerà  attendere almeno il primo semestre dell’anno, per avere piena cognizione dell’andamento dei conti dello stato e delle amministrazioni locali. Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti è tornato a escludere che per rispettare la tabella di marcia concordata in sede europea sia necessario ricorrere a una manovra correttiva, come paventato dall’opposizione con riferimento agli effetti della nuova governance economica che vedrà  la luce nel prossimo Consiglio europeo del 24 e 25 marzo. Ne sapremo di più tra qualche settimana.

Per il 2011, stando alle stime più recenti, il Pil dovrebbe attestarsi all’1,3% (la stessa performance del 2010) con il deficit al 3,9% del Pil, contro il 4,6% dello scorso anno. Le nuove stime per il 2011 saranno definite tra breve, all’interno del quadro previsionale fissato dal «semestre europeo», di fatto il primo esperimento di coordinamento ex ante delle politiche econoniche degli stati membri. Stando al nuovo timing, entro il 10 aprile è attesa la presentazione in Parlamento del «Def», documento di economia e finanza al suo esordio, che unifica la «Ruef» (Relazione sull’economia e la finanza pubblica) e lo schema di decisione di finanza pubblica (il vecchio Dpef che viene così anticipato da settembre ad aprile). Nel testo dovrà  essere inserito lo schema del «Programma nazionale di riforme» che il governo invierà  a Bruxelles in versione integrale entro fine aprile. 
Il complesso degli adempimenti imposti dal nuovo calendario europeo si completa con l’aggiornamento del programma di stabilità , le nuove stime macroeconomiche per l’anno in corso e per il prossimo triennio. Il tutto è stato recepito dalla proposta di legge di iniziativa parlamentare approvata all’unanimità  dalla Camera lo scorso 9 febbraio e ora all’esame del Senato. Nel provvedimento che tra breve dovrebbe ricevere il via libera definitico si definiscono nel dettaglio le modifiche alla legge n. 196 del dicembre 2009 che ha riformato le procedure relative alla contabilità  pubblica.

*********
LE CIFRE

8 miliardi
Febbraio 2011
Il dato del settore statale per febbraio 2011 è pari a 8 miliardi di euro, in calo rispetto ai 12,9 miliardi realizzati nello stesso mese del 2010; il miglioramento del saldo di febbraio é da attribuirsi, secondo il Tesoro, a un buon andamento del gettito fiscale e a una contenuta dinamica dei pagamenti, in particolare per quelli effettuati dalle amministrazioni territoriali
10 miliardi
Il bimestre
Con questo aggiornamento, il fabbisogno statale dei primi due mesi dell’anno è pari a circa 10 miliardi di euro, superiore di 1,2 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente


Related Articles

Statali in corteo a Roma, storie dal serpentone tricolore

Il corteo dei Pubblici. Manifestanti equamente divisi: rosso Cgil, bianco Cisl, blu Uil. Piazza del Popolo gremita. Sfilano i precari di coop, cliniche e scuole. I travet ministeriali sono mosche bianche. Bissato il successo del 25 ottobre. Il sole sorride ancora al sindacato. E tra i lavoratori la voglia di «sciopero» è forte

Il disco rotto del rigore

L’Europa del rigore anti-deficit ultima nel “mondo a tre velocità ”. Investimenti pubblici e tanta liquidità  così Usa e Giappone spingono la crescita

Tasse, la grande fuga dei ricchi anche Calatrava in Svizzera

E il premier francese accusa Depardieu: “Non è solidale” .  Anche Londra srotola il tappeto rosso per i Paperoni in cerca di un esilio fiscale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment