In Sicilia e a Pisa le nuove tendopoli così il governo sistemerà  gli immigrati

PALERMO – Poche certezze, molte ipotesi, un impegno. «Mercoledì Lampedusa sarà  svuotata», annuncia il commissario straordinario per l’emergenza Giuseppe Caruso. La disponibilità  finanziaria di diverse decine di milioni di euro, arrivata ieri mattina, gli ha consentito di noleggiare le sei navi che domani pomeriggio dovrebbero “liberare” Lampedusa dall’assedio dei migranti: cinque navi passeggeri di Tirrenia, Grimaldi, T-Link, Grandi navi veloci, più il traghetto della Siremar per Porto Empedocle e la San Marco, capaci di portare via circa 10.000 persone, ben di più dei 6000 profughi ancora a Lampedusa. E c’è l’ipotesi che una delle navi possa rimanere davanti al porto per accogliere a bordo, direttamente dal molo, i nuovi migranti in arrivo. Sui porti di destinazione delle navi c’è ancora grande incertezza: la meta verrà  comunicata ai comandanti solo domani pomeriggio dopo che il consiglio dei ministri avrà  approvato il piano al quale sta lavorando l’unità  di crisi del Viminale. Maroni, che domani incontrerà  di nuovo i presidenti della Regione, non nasconde le sue preoccupazioni per il controllo delle coste da parte dell’instabile governo tunisino che proprio ieri ha sostituito il ministro dell’Interno. Il mancato rispetto degli impegni assunti ha persino fatto prendere in considerazione l’ipotesi di rispedire i migranti direttamente in Tunisia con le navi noleggiate ma sembra poco praticabile per il rispetto delle procedure. Il primo urgente nodo da sciogliere è quello della disponibilità  immediata dei siti individuati per ospitare tendopoli o per rendere vivibili vecchi edifici o caserme su aree demaniali della Difesa. Dopo quella già  realizzata a Manduria, una seconda tendopoli da 800 posti è in via di realizzazione a Trapani, nell’area di Kinisia, a tre chilometri dall’aeroporto di Birgi, oggi base delle operazioni militari in Libia. E una terza per poco meno di un migliaio di posti sarà  allestita a Coltano, centro in provincia di Pisa che già  ospita un insediamento Rom e che fu sede di un campo di prigionia americano per i repubblichini. Un quarto sito potrebbe essere individuato oggi anche nel nord Italia, ma sembra molto difficile che le tendopoli siano pronte per giovedì e non è affatto escluso che, intanto, i migranti evacuati da Lampedusa possano essere tenuti sulle navi. L’unica certezza è che, ancora una volta, le prime due località  in cui verrà  smistato poco più di un migliaio dei migranti di Lampedusa sono in Sicilia: Trapani appunto e Caltanissetta, in un’area attigua al Cie di Pian del Lago. E mentre i prefetti di tutta Italia continuano a cercare aree per ospitare tendopoli (i sindaci della Locride hanno dato la disponibilità  ad ospitarne una) sopralluoghi sono in corso per verificare l’agibilità  dei 13 siti di demanio militare indicati dal ministro La Russa. Alcuni, come l’ex polverificio Boceda in provincia di Massa Carrara, sono già  stati dichiarati inidonei. Nella lista dei “13”, ci sono poi due centri in Friuli Venezia Giulia, l’ex poligono Ciarlec di Clauzetto e il deposito a Sgonico; due in Piemonte, l’ex deposito di munizioni Front e l’ex poligono armamento di Cirè; in Lombardia l’ex Campo della promessa a Castano Primo, nei pressi di Malpensa e in Emilia Romagna, a Monghidoro. Altri due centri ancora in Puglia, a Carapelle e nell’ex aeroporto di San Pancrazio Salentino, e in Sicilia, nell’ex deposito di munizioni a Marsala e a Torretta, a pochi chilometri da Palermo. Da Manduria a Trapani, esplode la protesta. Il sindaco di Trapani Fazio chiede un ripensamento per non compromettere l’economia già  penalizzata dalla chiusura dell’aeroporto civile. Oggi in programma una marcia su Birgi. Protesta anche il governatore della Puglia Nichi Vendola ieri in visita a Manduria: «Perché migliaia di persone concentrate qui? Se poi leggo che dal Veneto e dalla Lombardia si dice “qui neanche un immigrato”, cosa succede? Che la Sicilia e la Puglia porteranno il carico per intero sulle loro spalle?». Furioso anche il governatore della Toscana, Enrico Rossi: «Se questa è le scelta non la condividiamo, è un atto d’imperio del governo».


Related Articles

Fabbrica morti il patto che Maroni vuole copiare

ITALIA – LIBIA Nei campi «italiani» 300 dispersi

Europa, un gay su quattro è bersaglio di violenze

Il Paese più tollerante resta la Gran Bretagna Italia e Bulgaria ultime sul piano delle leggi

«In Siria bimbi scudi umani»

Rapporto delle Nazioni Unite: minori torturati e uccisi sia dal regime sia da gruppi ribelli come l’Esercito libero siriano. Massacri e raid anche ieri. Sassaiola contro gli osservatori Onu ad Haffa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment