La Gran Bretagna apre le porte ai super ricchi

LONDRA – Se sei ricco e disposto a investire, la Gran Bretagna ti apre le porte. Il governo di David Cameron ha predisposto una sorta di autostrada per gli stranieri ad alto reddito che vogliono emigrare nel Regno Unito. Una speciale categoria di «super – investitori» in arrivo dall’estero, intenzionati a depositare almeno 5 milioni di sterline (6 milioni di euro) in una banca britannica, riceveranno un permesso di residenza senza limiti di tempo dopo appena tre anni che vivono qui, ovvero due anni più presto che ogni altro tipo di immigrato, che in base alla legge ordinaria deve vivere, lavorare e pagare le tasse in Gran Bretagna per un minimo di cinque anni prima di ricevere un permesso di residenza non temporaneo, grazie al quale è successivamente possibile ottenere la cittadinanza britannica. Se poi l’investitore straniero è pronto a depositare su una banca del Regno Unito una somma ancora più grossa, da 10 milioni di sterline (12 milioni di euro) in su, il permesso di residenza definitivo arriva ancora più in fretta, dopo appena due anni. Le misure per attirare i super-ricchi in Gran Bretagna, seguendo l’esempio di quanto fu fatto dal governo laburista di Tony Blair, sono state annunciate nei giorni scorsi da Downing street. Comprendono un pacchetto di soluzioni alternative al deposito bancario: per esempio ha diritto al permesso di residenza dopo tre anni anche l’investitore straniero che, in mancanza di un deposito bancario di 5 milioni di sterline nel Regno Unito, ha creato un’azienda britannica con almeno dieci dipendenti e un fatturato annuo di almeno 10 milioni. Il governo ha inoltre raddoppiato il numero di giorni che questa categoria di immigrati super-ricchi possono trascorrere all’estero, pur continuando a qualificarsi come residenti fiscali nel Regno Unito, portandolo dagli attuali 90 a 180 giorni all’anno.


Related Articles

Lotta di classe in Cina

Nel sud-est ondate di proteste e scioperi. A Wukan migliaia di persone in piazza contro la corruzione «Abbasso la dittatura»
Pochi giorni fa a Dongguan operai in rivolta, con scontri e feriti. Uno squarcio nel monolite cinese

Le casse vuote, fine del sogno catalano

Barcellona e altre 5 regioni autonome costrette a chiedere aiuto al governo di Madrid

La dignità delle partite Iva, non trattiamole più come fossero un’eccezione

Partite Iva. Con il progressivo passaggio della contribuzione al 33% l’adesione alla gestione separata Inps diventa insostenibile

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment