Lampedusa, primi barconi dalla Libia “Abbandonati dalle navi della Nato”

LAMPEDUSA – Arrivano i primi barconi dalla Libia ed è subito emergenza. Una carretta in avaria con circa 350 profughi, tra cui 200 donne, partita venerdì sera dalle coste libiche, ha lanciato ieri l’Sos con un telefono satellitare. Sosteneva di essere stato abbandonato alla deriva dalla nave Nato, battente bandiera canadese, che nel pomeriggio aveva prestato loro soccorso. L’unità  della Nato ha detto agli immigrati che sarebbero stati portati in Tunisia. E di fronte al loro rifiuto si sarebbe allontanata.
Un altro barcone di disperati (oltre 300, quasi tutti somali ed eritrei, con a bordo molte donne e bambini) partito nei giorni scorsi dalle coste della Libia, è stato avvistato dai radar della Marina militare e viene tenuto sotto controllo da ieri mattina. A Lampedusa l’allerta è massima. La rotta delle due carrette verso l’Italia potrebbe significare che Gheddafi ha dato il via libera ai migranti ammassati nei centri di accoglienza libici. Sono migliaia di somali ed eritrei vittime dei respingimenti dello scorso anno, che si aggiungono alle altre migliaia che in questi mesi hanno attraversato il confine libico dalla parte del deserto. Se dovessero salpare in massa verso l’Italia, sarebbe l’inizio dell’esodo biblico tenuto da Maroni.
A Lampedusa la situazione è sempre più critica. Tanto che il Viminale ha messo a punto un nuovo piano di svuotamento rapido dell’isola attraverso l’utilizzo di navi passeggeri: la prima arriverà  già  domani per prelevare i primi 1.000 tunisini, la seconda martedì. Ieri mattina intanto è esplosa la protesta da parte dei duemila immigrati assiepati sul molo. Sono ancora tra i quattro e i cinquemila i tunisini accampati nell’isola: metà  nel Centro di accoglienza dove l’aria è ormai irrespirabile, le camerate strapiene e ormai invivibili. L’altra metà  sulla banchina del porto, dove gli extracomunitari bivaccano di giorno e dormono di notte all’aperto, mentre sulle collinette sopra il porto è sorta una vera e propria baraccopoli, fetida e puzzolente.
Il cibo per questi disperati viene distribuito a singhiozzo: di qui la protesta di ieri, perché il furgone che doveva distribuirlo è arrivato in ritardo. In più, nessuno ha la possibilità  di lavarsi, i bisogni vengono fatti per strada e la situazione igienica peggiora di ora in ora. Situazione resa ancora più incandescente, ieri, dalla lunga attesa per il trasferimento sulla nave della Marina militare San Marco, bloccata per ore a qualche miglio dal porto. Nessuno sapeva quando sarebbe salpata e dove fosse diretta. Soltanto a sera dal ministero della Difesa e da quello dell’Interno è arrivato finalmente il via libera. A quel punto i mezzi da sbarco della nave hanno iniziato a fare avanti e indietro dalla banchina per trasportare a bordo 500 tunisini. La nave è salpata in nottata diretta a Taranto. Il centro di accoglienza di Mineo è stato scartato per la protesta dei sindaci della zona ai quali era stato assicurato che in quel centro sarebbero stati accolti soltanto rifugiati politici e richiedenti asilo. I 500 trasbordati sulla San Marco saranno ospitati in una tendopoli in corso di allestimento a Manduria, in Puglia. Altri 400 sono stati trasferiti con un ponte aereo nel sud Italia. Ma per mille che ne partono altrettanti ne arrivano. I mezzi della Guardia costiera e della Guardia di finanza non hanno tregua.


Related Articles

“Subito la cittadinanza ai figli degli immigrati”

Appelli di Fini e Riccardi. Ma scatta l’aumento della tassa per il permesso di soggiorno   Grazie al decreto sarà  invece più facile il rinnovo del contratto per quelli stagionali 

Mandava i bambini alla guerra processo per gli orrori del Congo

Debutta all´Aja la Corte permanente istituita nel ´98. Tra gli Stati membri non ci sono gli Usa (La Repubblica, VENERDÌ,

Maroni legalizza, poi ci ripensa

Dietro la decisione la paura per il ballottaggio che si terrà  domani a Milano. Una circolare del Viminale concede il permesso di soggiorno agli immigrati esclusi dalla sanatoria «truffa» del 2009. Poi, dopo due giorni, il ministro blocca tutto. La Cgil: «Comportamento irresponsabile»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment