Libia, il mestiere delle armi

In un’intervista a Repubblica di venerdì 25 febbraio, il ministro della Difesa Ignazio La Russa dichiarava: “Non mi risulta che ci siano state consegne di armi al regime, tanto meno nelle ultime settimane”. Il 3 marzo, era Finmeccanica a ‘smentire’ le notizie circolate sulla stampa sulle forniture militari a Gheddafi: “Ribadiamo di non aver mai venduto elicotteri da combattimento alla Libia, ma esclusivamente velivoli per attività  di ricerca e soccorso e di controllo delle frontiere”.

Il nostro Paese ha invece venduto ingenti quantitativi di armi e mezzi militari alla Libia. Lo ha fatto sin dagli anni ’70, sotto forma di aerei, cannoni, missili, blindati, bombe, proiettili, apparecchiature elettroniche, sistemi di sorveglianza, pezzi di ricambio.

La Libia è rimasta sotto embargo dal 1986 al 2004, quando l’Unione dei 25 Paesi europei decise che i tempi erano maturi per ridare fiducia a Gheddafi. Il dibattito sulla revoca del blocco, che oltre al divieto di vendere armi includeva anche il congelamento dei fondi libici all’estero e la fornitura di beni e servizi civili legati all’industria petrolifera, era stato sollecitato dall’Italia, preoccupata dell’immigrazione illegale. Il nostro Paese, apparentemente ansioso di fornire a Tripoli i mezzi necessari al controllo delle frontiere, voleva in realtà  riaprire un canale commerciale proficuo anche – e soprattutto – per l’industria bellica.

Dal 2004, le esportazioni di armamenti italiani al regime di Gheddafi hanno registrato un crescendo impressionante. Si è passati da poco meno di 15 milioni di euro del 2006 ai quasi 57 milioni del 2007, quando l’Italia consegnava alla Libia sei motovedette della Guardia di Finanza. Proprio in quest’anno Finmeccanica, attraverso la propria società  Alenia Aermacchi, firmava con il ministero della Difesa libico un contratto di tre milioni di euro per la revisione di dodici velivoli addestratori SF-260. Come vedremo meglio nei prossimi capitoli di questa inchiesta, questo velivolo è uno strumento di guerra a tutti gli effetti. Esattamente come l’obice semovente ‘Palmaria’ dell’Oto Melara (società  di Finmeccanica). Nel gennaio 2008, All’Alenia Aermacchi era affidata la fornitura di nove velivoli Atr-42 Surveyor per un contratto da 31 milioni di euro. Non esattamente concepito come un apparecchio di attacco, si tratta comunque di un aero militare usato per “il pattugliamento marittimo, il controllo della acque territoriali e delle zone economiche esclusive, la lotta al traffico illegale di beni e di persone e il lancio di equipaggiamenti per il soccorso in mare”. Può trasportare truppe e paracadutisti.

E’ tuttavia nell’ultimo biennio che le esportazioni belliche hanno ripreso slancio, grazie al Trattato di amicizia, partenariato e cooperazione firmato a Bengasi nell’agosto 2008, preceduto a giugno da una visita in Italia – agli stabilimenti Agusta (proprietà  di Finmeccanica) – del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica libica, il generale Al Sherif Alì Al Rifi. Il Trattato, che oggi è sospeso – secondo quanto riferito alcune settimane fa da La Russa – prevedeva un forte e ampio partenariato industriale nel settore difesa e industria militare. Il 29 aprile 2010 è stato inaugurato presso l’aeroporto di Abou Aisha, a pochi chilometri da Tripoli, un impianto gestito dalla Liatec (Spa creata nel 2006 e composta al 50 percento dall’Industria per l’aviazione libica, al 25 percento da Finmeccanica e al 25 percento da AgustaWestland). L’obiettivo della Liatec è “migliorare e sviluppare le capacità  del Paese nel settore aeronautico e dei sistemi elettronici”. E’ un impianto di assemblaggio per elicotteri e svolge servizi di manutenzione di elicotteri e aeroplani, oltre alle attività  di addestramento “in missione”. E’ stato costruito dalla Maltauro, azienda vicentina che ha cantieri e appalti milionari in numerose basi Usa sul territorio italiano. Il Gruppo Maltauro ha acquisito nel 2010 una commessa da 185 milioni di euro per la costruzione, per conto di Alenia Aeronautica, di un nuovo insediamento industriale all’aeroporto militare di Cameri.

Finmeccanica fa la parte del leone anche nelle forniture di sistemi di sorveglianza delle frontiere. Attraverso Selex Sistemi Integrati (società  della moglie dell’amministratore delegato di Finmeccanica, Pier Francesco Guarguaglini), ha siglato lo scorso anno un contratto da 300 milioni di euro per la creazione di un sistema di protezione e sicurezza del confine tra Libia e Ciad, con radar capaci di individuare una persona fino a 20 chilometri di distanza.

Il Trattato di ‘amicizia’ e partenariato è sospeso, ma nemmeno la gravissima crisi libica ha impedito ai capitani d’impresa di Finmeccanica di salutare il 2011 con rinnovato ottimismo: agli inizi di marzo la società , che fattura quasi 19 miliardi di euro, ha annunciato per il 2011 ricavi dalla Libia per 250-300 milioni e commesse per 800 milioni. Allora Guarguaglini dichiarò che il Cda non aveva discusso del congelamento del 2 percento detenuto dal fondo libico. Non è chiaro chi disporrà  di quel capitale quando Gheddafi sarà  stato ‘neutralizzato’. Ma il caos nel Paese africano fa comodo al mercato: a guerra finita, la ricostruzione aprirà  nuove e redditizie prospettive per gli investitori europei.

1 – continua


Related Articles

Ucraina e Italia, 20 anni di «professionalità» in tutte le guerre, bastano

Crisi ucraina. La ministra della difesa Pinotti, pervasa dal neopensiero, propone candidamente l’Italia come portabandiera del peacekeeping

Aleppo, tacciano le armi. Fine dell’assedio

C’è l’accordo per mettere fine ai combattimenti per il controllo della seconda città della Siria. L’Onu accusa le truppe di Damasco di rappresaglie contro i civili

Comunicato congiunto FARC-EP-governo della Colombia

Le delegazioni del Governo nazionale e le FARC-EP hanno concordato i protocolli e allegati dell’accordo sul “Cessate il fuoco e delle ostilità bilaterale e definitivo e decommissione delle armi”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment