Mineo, “una riserva indiana blindata per le associazioni”

ROMA – “Non ci hanno lasciato entrare”. Sbotta la responsabile del Centro Astalli di Catania, Elvira Iovino quando le si chiede quali sono le condizioni dei richiedenti asilo ospiti del centro allestito a Mineo, in provincia di Catania. Un centro che in questi giorni viene definito “riserva indiana”, “cattedrale nel deserto”, perfino “lager” e al centro di una polemica fatta di porte chiuse, poche risposte e progetti di cui chi si occupa da sempre di asilo in Italia non ne sa nulla. Ufficialmente è stato chiamato “villaggio della solidarietà ”, ma dal Centro Astalli di Catania i dubbi sulle finalità  si fanno sempre più certezze di una vera e propria “follia”. L’interno della struttura è ‘blindata’ alle associazioni. “L’altro ieri un nostro avvocato è andato al villaggio di Mineo, ma non lo hanno fatto entrare – spiega Iovino -. Si è presentato come avvocato del Centro Astalli ma le forze dell’ordine non lo hanno lasciato entrare. Questo è un abuso e una cosa che non avrebbero potuto fare e di conseguenza abbiamo chiesto ufficialmente, come centro Astalli, il permesso per l’ingresso e aspettiamo la risposta del Prefetto vicario”.

Il villaggio, spiega Iovino, è completamente isolato e la strada per raggiungerlo è una vera e propria barriera: una strada in salita per circa 17 chilometri. “Mentre gli americani ci arrivavano con le loro auto di grossa cilindrata, questi poveretti dovranno farsi 17 chilometri anche solo per andare a fare una ricarica del telefonino. Per noi che conosciamo i luoghi, questa è veramente una riserva indiana, ma delle peggiori. Questo è un campo di concentramento. È vero che è tenuto bene, con le tendine alle finestre, ma la gente non vuole questo”. Intanto i misteri sulle finalità  della struttura si infittiscono dopo la notizia dell’arrivo di centinaia di migranti sbarcati a Lampedusa, nonostante all’inizio si parlasse soltanto dei richiedenti asilo. “Si tratta di un improprio e inopportuno miscuglio di migranti economici e migranti forzati – spiega Iovino -. È una operazione fatta con una approssimazione e una superficialità  pazzesca, oltre che con incompetenza. Stiamo cercando disperatamente di opporci, ma siamo una voce che grida nel deserto. In realtà  non sanno come gestire la situazione. C’è uno strano segreto sopra, perché evidentemente non sanno bene cosa devono fare. Tuttavia non è stato mai chiesto il nostro aiuto”.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Il Sudafrica libera De Kock, il Malvagio dell’apartheid

Eugene De Kock ha guidato per sette anni dal 1985 al 1993 la famigerata unità segreta C-1, lo squadrone della morte della polizia che aveva il compito di uccidere i militanti dell’African National Congress

Aquarius. I migranti privati di dignità e ridotti a ostaggi

Quello che oggi riserviamo a queste persone già domani lo riserveremo ad altri soggetti diversamente deboli, che devono restare fuori dai supermercati o al massimo diventare parte della merce

Yemen, raid sunnita colpisce ospedale Msf: almeno 11 morti e 20 feriti

La gran parte delle vittime sarebbero pazienti ricoverati. Ucciso anche un ingegnere che lavorava per l’associazione umanitaria. Sabato scorso la coalizione guidata dall’Arabia Saudita aveva bombardato una scuola causando la morte di 10 bambini

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment