“No ai bambini in caserma”: associazioni contro il comune di Pisa

FIRENZE – Una petizione all’Unesco dal titolo “No ai bambini in caserma” per opporsi all’iniziativa del comune di Pisa di inviare, il prossimo 28 aprile, bambini dai 3 ai 13 anni in visita alla caserma dei paracadutisti della Folgore nel quinto anniversario dell’uccisione a Nassiriya del maggiore toscano Nicola Ciardelli. A firmare la petizione, oltre a varie associazioni pacifiste, anche alcuni insegnanti, educatori e genitori dei bambini in questione. “L’anno scorso abbiamo chiesto al comune – spiegano le associazioni pacifiste pisane – che l’iniziativa fosse svolta in giorno e orario non scolastico, in modo che fossero le famiglie a decidere se portarvi oppure no i figli: non siamo stati ascoltati”. L’iniziativa del comune è finalizzata alla raccolta fondi per una casa di accoglienza a favore di bambini vittime di guerra e bisognosi di cure mediche. “Questa è una bella cosa – aggiungo i firmatari – Ma cosa c’entra con la visita in caserma? Perché non portare i bambini a visitare la casa di accoglienza, o l’ospedale pediatrico? La caserma non è un luogo adatto per educare alla pace”.

La petizione non si riferisce soltanto all’iniziativa del comune di Pisa ma intende arrivare all’“adozione da parte dei governi e degli enti locali della proposta di Dichiarazione internazionale sul diritto dei bambini, che prevede anche il diritto ad una educazione alla nonviolenza ed alla pace”.
Secondo i firmatari, “l’educazione alla nonviolenza ed alla pace è la formazione intellettuale e psicosociale del bambino allo scopo di sviluppare il suo spirito critico, di permettergli di ragionare sull’origine e la risoluzione nonviolenta dei conflitti nella società  così come tra le nazioni e di instillargli i valori di tolleranza e di rispetto della dignità  e dei diritti umani”. 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Carceri, Pdl spaccato vota contro se stesso

27 «franchi tiratori» appoggiano la Lega. Il governo Monti scricchiola in senato. Rinvio a martedì

Modello Riace. Come nasce il miracolo sociale del profondo sud

Al di là del valore umano di Domenico Lucano, della sua opera instancabile, del suo carisma, Riace rappresenta un miracolo sociale

PSICHIATRIA DEMOCRATICA. Il segretario Lupo: «Con i tagli si torna al pre-Basaglia»

Segretario nazionale di Psichiatria democratica, il napoletano Emilio Lupo sabato parteciperà  alla sessione plenaria della tre giorni organizzata dal comitato «Il Welfare non è un lusso». Docente di Psichiatria sociale, ha contribuito alla realizzazione della prima casa famiglia in Campania, è stato membro dell’Ufficio speciale per la dismissione dell’ospedale psichiatrico Leonardo Bianchi, a lungo responsabile delle strutture intermedie del distretto socio-sanitario del quartiere partenopeo della Sanità .

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment