Più ricco il fondo salva-Stati, sconti alla Grecia

Ma il vertice a Bruxelles, iniziato nel pomeriggio di venerdì scorso, ha trovato l’accordo di massima soprattutto sulla strategia anti-crisi per rilanciare la competitività  e per stabilizzare i conti pubblici nazionali. La proposta di un rigido «Patto per la competitività » , elaborata dalla cancelliera tedesca Angela Merkel e appoggiata quasi solo dal presidente francese Nicolas Sarkozy, è stata trasformata in un morbido «Patto per l’euro» , concertato dal presidente stabile del Consiglio, il belga Herman Van Rompuy, e dal numero uno della Commissione europea, il portoghese José Manuel Barroso. Il compromesso fissa gli obiettivi generali e lascia ai singoli Stati la decisione su come conseguirli. Al termine del vertice perfino la Merkel si è detta «molto soddisfatta» per l’accordo sulle «grandi linee del pacchetto complessivo» , che dovrebbe essere approvato nel Consiglio europeo del 24 e 25 marzo prossimi. Il premier Silvio Berlusconi ha sostenuto di aver ottenuto «i due obiettivi» dell’Italia. Il primo sarebbe il via libera dell’Ue a poter rilanciare la competitività  delle aree in ritardo di sviluppo (come il Mezzogiorno) introducendo «defiscalizzazioni e fiscalità  agevolata» . Il secondo riguarda la considerazione degli «altri fattori rilevanti» (risparmio privato, solidità  del sistema bancario, sostenibilità  delle pensioni) nella valutazione del debito pubblico. L’impegno a ridurre l’indebitamento dello Stato nella parte eccedente il 60%del Pil— al ritmo di un ventesimo l’anno— non dovrebbe così imporre all’Italia (vicina al 120%del Pil) tagli della spesa da una quarantina di miliardi annui. I leader hanno tenuto riservate le preoccupazioni sugli enormi rischi interconnessi che potrebbero nascondersi dietro le esposizioni di molte banche europee (soprattutto in Germania, Francia, Gran Bretagna, Olanda, Belgio). Ma hanno garantito ai mercati che i test periodici sulla solidità  degli istituti di credito dell’Eurozona saranno molto più credibili di quelli dell’anno scorso. Gli Stati membri dovrebbero poi inserire nelle legislazioni l’impegno a risolvere le insolvenze bancarie. Il fondo temporaneo salva Stati è stato portato da 250 a 440 miliardi di euro, che saliranno a 500 con l’entità  stabile nel 2013. L’operatività  viene estesa agli acquisti di titoli sul mercato primario, purché i governi in questione rispettino gli impegni presi con Bruxelles. Come esempio positivo è stata indicata la Grecia, che ha tagliato la spesa pubblica come promesso e ha ottenuto lo sconto dell’ 1%sui prestiti erogati (e una dilazione a sette anni e mezzo). Apprezzamento è stato espresso anche al Portogallo. Il neo-premier irlandese Enda Kelly, dopo aver rifiutato di elevare la tassa che rende Dublino un paradiso fiscale, ha contestato il no dei colleghi a uno sconto simile a quello alla Grecia. L’Irlanda intende tornare alla carica nell’Eurogruppo Ecofin dei ministri finanziari, in programma domani e martedì a Bruxelles, che dovrebbe definire i dettagli tecnici dell’accordo appena concluso dai capi di governo.


Related Articles

Il fantasma di Fidel nelle ore decisive “Ma il fratello non fa niente da solo…”

Dalle liti agli editoriali di fuoco contro le aperture alla Casa Bianca Il “comandante” ha una visione politica completamente diversa da quella dell’attuale presidente. La gente dell’Avana si chiede se il leader rivoluzionario sia stato tenuto all’oscuro delle trattative Eppure i più anziani non hanno dubbi: “Il vecchio avrà dato l’ok”

Vertice Nato, l’annuncio di Obama “La guerra in Afghanistan sta finendo”

Ma è gelo con il Pakistan sul “pedaggio” per il rimpatrio dei soldati   Stiamo portando questo conflitto alla conclusione Arriva la data in cui la guerra come la intendevamo finisceTra soli quattro mesi cominceranno a tornare a casa i 23 mila militari americani al fronteIl ministro Terzi ha confermato il contributo italiano di 120 milioni annui per il Paese

Istraele-USa. quasi amici

Domani Obama parte per la sua prima visita ufficiale in Terra Santa. Un viaggio delicato. Perché tra i due Paesi i rapporti di forza sono cambiati    

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment