“Fiat avrà  il 51% di Chrysler entro l’anno”

TORINO – Marchionne accelera ancora. «Entro il 31 dicembre 2011 – annuncia – arriveremo al 51 per cento di Chrysler». Passaggio essenziale, spiega l’ad del Lingotto, «per arrivare alla quotazione che faremo concordandola con il fondo degli ex dipendenti Chrysler». Saranno infatti loro i beneficiari di un’operazione che, se andrà  in porto, avrà  salvato le loro pensioni. Dopo la conquista della maggioranza della società  di Detroit, spiega ancora il manager della Fiat, si aprirà  una fase in cui «saremo obbligati a consolidare Chrysler nel bilancio Fiat». perché a quel punto la casa americana sarà  una controllata di Torino. Ma sarà  anche quotata alla Borsa americana e dunque, ha ripetuto ieri Marchionne, «questo porrà  un problema di governance» perché si avrebbero due diverse società , quotate sulle due sponde dell’oceano, che hanno per oggetto la stessa attività  economica. A quel punto si dovrà  decidere se lasciar sopravvivere l’anomalia o superarla con la fusione. Un problema che si porrà  dunque all’inizio del 2012 e non prima. Per questo Marchionne dice che «sulla sede legale della nuova società  non c’è una tempistica. Non ci sono scelte perché la questione non è all’ordine del giorno». Ma se davvero la sede migrasse oltreoceano? «Non ci sarebbero conseguenze per i lavoratori italiani», garantisce il presidente di Fiat, John Elkann. Si riassume in questi annunci il cuore dell’assemblea degli azionisti Fiat, l’ultima che riguarda il bilancio della società  unica scissa a gennaio 2011 con lo spin off che ha diviso le attività  dell’auto da quelle dei camion e dei trattori. Più che una nuova era quella iniziata ieri è un’importante fase di transizione. Perché se davvero nel 2012 arriverà  la fusione con Chrysler, la Fiat spa potrebbe durare solo un anno prima di confluire nella nuova società  con sede, probabilmente a Detroit. Quella di ieri sarebbe dunque una delle ultime assemblee dei soci tenuta al Lingotto. Marchionne ha presentato agli azionisti i conti di una società  che è in ripresa dopo la fase più dura della crisi. Con un utile netto di 600 milioni che si confronta con una perdita di 848 nel 2009. Dati già  resi noti al cda del 27 gennaio scorso. Dati che la Fiat vuole vedere in prospettiva: «Nel 2014 – annuncia Marchionne – la somma dei fatturati di Fiat spa e Chrysler dovrebbe raggiungere i 100 miliardi di euro». Siccome per quella data il fatturato di Fiat è previsto a 64 miliardi, quello di Chrysler sarà  a 36. Questo significa che Fiat vale un po’ meno di due volte il socio americano. Proporzione che potrebbe essere quella di riferimento al momento della fusione. Sui temi di più stretta attualità , Marchionne ha confermato che «nonostante il casino fatto dai tedeschi, l’Alfa non si cede». Anzi «verrà  valorizzata dall’alleanza con Chrysler». Il matrimonio tra Iveco e Daimler? «Non ne vedo la necessità . Sarà  un altro atto di arroganza tedesca». Continua così la polemica a distanza con i costruttori di un paese che non ha mai accolto bene Marchionne fin dai tempi dell’asta sulla Opel. Quanto alle quote di mercato europeo «è vero che oggi sono basse ma saliranno con i nuovi modelli». Infine il capitolo dolente dei rapporti con i sindacati in Italia. Inutilmente i cronisti incalzano l’ad chiedendogli un giudizio sulla Fiom. Marchionne è prudente anche sulla trattativa aperta alla ex Bertone: «Dovremo concluderla – dice – con una convergenza sui princìpi già  applicati a Pomigliano e Mirafiori». Una convergenza non è una fotocopia e su questo piccolo spiraglio, forse, la trattativa può andare avanti.


Related Articles

Condanne confermate per il rogo ThyssenKrupp. Ma i manager restano liberi

Torino. Sentenza della Cassazione sul rogo che nel 2007 uccise sette operai. Il ministro della Giustizia Orlando ha chiesto che l’ex ad Espenhahn e il dirigente Priegnitz scontino la pena in Germania

“Sono morte per 4 euro all’ora le hanno trovate abbracciate”

La rabbia dei parenti delle vittime: qualcuno deve pagare.    Abbiamo cominciato a scavare, con le mani toglievamo le pietre. Sentivamo le voci, chiedevano aiuto. Giovanna aveva preso il vestito delle feste, oggi doveva andare a un matrimonio. La seppelliremo con quello

Le riserve Usa sul mercato contro il caro-petrolio

Obama si accorda con Francia, Inghilterra e Giappone, tensione con i Paesi emergenti   Il presidente accusa i petrolieri- sanguisughe L’aiuto dei sauditi per ridurre i rialziNel vertice dei Brics Cina e Brasile criticano Bce e Fed: responsabili di uno tsunami monetario 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment