Quando Facebook va a carbone

Il problema è che PacificCorp, la fornitrice di energia elettrica della zona, usa un mix di materiali di produzione che è “sproporzionatamente alimentato dal carbone, la più grande fonte di inquinamento da riscaldamento globale”

L’interconnessione di tutti i nostri amici, la possibilità  di cliccare “mi piace” o “non mi piace” richiede un sacco di spazio in server che riscaldano ambienti e che vanno raffreddati consumando non poca energia elettrica. Insomma un bel problema in termini ambientali, da non sottovalutare e che non riguarda solo il colosso Facebook, visto che le aziende di Information Technology (IT) stanno aumentando rapidamente il loro consumo di energia, facendo dell’IT uno dei settori a più alto consumo di energia elettrica nel mondo.

Per Greenpeace che lavora nel settore dell’industria IT da più di cinque anni, cercando di spingere le aziende verso più alti livelli di sostenibilità , il largo consumo di carbone da parte di Facebook è indicativo della crescita della domanda di energia a livello globale e della necessità  di trovare presto delle soluzioni sostenibili. Ai ritmi attuali, reti di telecomunicazioni e centri dati, due dei componenti essenziali da cui Facebook dipende,consumeranno approssimativamente 1,963 miliardi di kWh di elettricità  nel 2020, più di tre volte il loro consumo attuale e più di tre volte l’attuale consumo di Francia, Germania, Canada e Brasile messi insieme.

Così, come in passato ha già  sfidato i grandi produttori hardware del mondo sulla sostenibilità  ambientale, Greenpeace ha sfidato anche Facebook, nella speranza che il gruppo abbandoni del tutto l’alimentazione elettrica prodotta con consumo di fonti fossili inquinanti a favore di un piano programmatico che renderebbe il social network un brand leader nell’inseguimento di una nuova e necessaria etica ecologista.

Con la campagna Unfriend Coal, veicolata non a caso attraverso l’imputato (Facebook) e arrivata a più di 83.000 fan, Greenpeace fa una proposta chiara: “Se credi anche tu che un’azienda innovativa come Facebook debba impegnarsi in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici, clicca mi piace sulla pagina Unfriend Coal”. Quattro sono gli impegni che Greenpeace ha inserito nella sua richiesta a Facebook: “aumentare l’utilizzo di energia rinnovabile per il funzionamento dei suoi server, sviluppare un piano per ridurre l’impronta climatica e diventare carbon free entro il 2021, informare gli utenti di Facebook sul modo in cui vengono alimentati i propri server e promuovere l’utilizzo di energia rinnovabile a livello locale, nazionale e internazionale”.

La risposta di Facebook non si è fatta attendere, ed è arrivata da Barry Schnitt, responsabile della comunicazione del social network, che ha precisato che il data center rispetta i parametri legali del risparmio energetico e che dopotutto la quantità  di carbone utilizzata da Facebook non è di molto superiore a quella utilizzata in altre aziende nazionali. Schnitt ha rassicurato anche sull’ecocompatibilità  dei piani futuri di PacificCorp oltre a mettere in discussione le fonti energetiche che Greenpeace utilizza per alimentare il suo data center in Virginia.

Ma Greenpeace non basta. Una potenza economica come Facebook potrebbe collocare i server in zone dove c’è abbondanza di sole o di vento ed essere alimentati, almeno in larga parte, da fonti rinnovabili riuscendo ad ammortizzare gli elevati costi dell’operazione. Per questo “Vogliamo che Facebook utilizzi il 100 per 100 di energia rinnovabile […]. Facebook ha di fronte a se l’opportunità  di guidare una svolta, estendendo il suo spirito innovativo al settore ambientale – ha spiegato Domenico Belli, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace – Potrà  dimostrare che le imprese possono crescere servendosi di energie pulite […] perché crediamo che un’azienda innovativa come Facebook debba essere in prima linea nella lotta ai cambiamenti climatici con l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili a tutti i livelli”.

Insomma se Mark Zuckerberg, l’inventore di Facebook è ancora “amico del carbone”, Greenpeace ha detto “non mi piace” e lo ha fatto rilanciando la propria campagna sul popolare social network alla vigilia del 22 aprile, Giornata della Terra, una festività  riconosciuta da ben 192 nazioni e celebrata da quasi mezzo miliardo di persone con l’intento di informare ed educare l’opinione pubblica attorno alle principali problematiche ecologiche del pianeta. Una giornata che merita molti fan, possibilmente su un Facebook sostenibile.

****

Altre info su l’ Earth Day, la Giornata Mondiale della Terra, su Bolletta-Energia

 



Related Articles

Cultura, ecco i magnifici sette

INTERVENTI URGENTI Le associazioni lanciano al governo un ultimo appello per sopravvivere
Spettacolo e beni culturali presentano un documento unitario

L’Italia delle ferrovie spaccata in due da Palermo a Milano con 6 ore di ritardo

Due dei sedici binari sono stati riaperti, nel pomeriggio 7 treni all’ora transitavano. Nella mattina quasi tre convogli su dieci tra quelli in transito sono stati soppressi 

Giappone: Msf, Caritas e Save the Children attive nel soccorso ai terremotati

   Giappone: intervento delle squadre di soccorso – Foto: AsiaNews

Mentre sale a 6000 il bilancio dei morti e dispersi del terremoto e dello tsunami che venerdì scorso hanno scolvolto il Giappone, anche le Ong italiane si sono mobilitate per aiutare la popolazione. Alcune delle zone più colpite però sono tuttora irraggiungibili mentre desta forti preoccupazioni la situazione delle centrali nucleari di Fukushima.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment