Salviamo la Costituzione

Da chi ha tratto un frettoloso sospiro di sollievo per lo scampato pericolo. E da chi si era preoccupato di dire che la bocciatura di quella riforma non doveva pregiudicare la necessaria riforma costituzionale. E così quel voto non ha costituito il punto di partenza per una nuova consapevolezza costituzionale, neppure per le timorose forze politiche d’opposizione che pure avevano sostenuto il referendum contro quella riforma. Così è tornato con prepotenza il progetto di mutare alla radice la tavola dei valori di riferimento, la Costituzione, fuori da ogni regola condivisa, ora facendo prevalere interessi particolari se non personali, ora lasciando spazio a pressioni di matrice ideologico-religiosa che vogliono agire in presa diretta sul funzionamento del sistema politico. Gli equilibri istituzionali ne risultano sconvolti, le tutele giudiziarie sono contestate, la garanzia di libertà  e diritti, perduta nel Parlamento, si rifugia nella Presidenza della Repubblica e, soprattutto, nella Corte costituzionale. Ma, in tempi così perigliosi, la Costituzione sta conoscendo una rinnovata e inattesa attenzione. Parlar di Costituzione ha un suono benefico e sta producendo una identificazione con essa di un numero crescente di persone, consapevoli della necessità  di essere esse stesse protagoniste di una azione di promozione e difesa dei diritti. In questo momento, in decine di città , vi sono flash mobs di studenti che distribuiscono copie della Costituzione, come già  quel prezioso libretto era stato impugnato in tante altre manifestazioni. La Costituzione sta incontrando il suo popolo. E questo popolo è consapevole che la politica deve essere in primo luogo, e sempre, politica costituzionale, se vuole riguadagnare la sua forza e la sua nobiltà . Questo è un estratto dell’appello che sarà  letto oggi in Piazza del Popolo a Roma nella manifestazione “A difesa della Costituzione”


Related Articles

Armati, addestrati e militarizzati ecco chi sono i nuovi black bloc

In Val di Susa erano oltre 300: “Arrivano da tutta Europa”.  Hanno maschere antigas migliori di quelle della polizia e studiano i piani d’assalto a tavolino

L’apertura del Papa verso le unioni omosessuali

Chiesa. «Hanno diritto ad avere una famiglia». L’affermazione fatta nel docufilm «Francesco» del regista russo Evgeny Afineevsky, presentato ieri alla Festa del cinema di Roma

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment