Sarebbe questa la civiltà  della democrazia?

Striscioni inneggianti a Silvio attaccati meticolosamente in più punti del paese e curiosamente scritti tutti con la stessa sfumatura di blu e la medesima grafia; tentativi di pulizia delle spiagge; militarizzazione della zona antistante al municipio, luogo del comizio, e interdizione completa di quest’area a tutti i migranti; una claque di provocatori pronta a menare le mani per evitare che qualcuno potesse esprimere il proprio dissenso; assoluto oscuramento della scelta di gran parte dei cittadini di Lampedusa di disertare il Silvio-show; sono questi alcuni degli elementi che hanno composto il quadro complessivo della visita del presidente, per la maggior parte ‘sfuggiti’ all’occhio sempre vigile delle telecamere. Mentre lo spettacolo si svolgeva nel centro di Lampedusa, nel resto dell’isola andava avanti l’ordinaria straordinarietà  degli eventi che si stanno susseguendo in queste ore. Al porto riprendevano gli sbarchi e nel frattempo i migranti giunti nei giorni scorsi continuavano ad aspettare godot. Ancora attese di ore sotto il sole, spintoni per non perdere la precedenza faticosamente acquisita, divisioni in gruppi, trasferimenti al Cie. e ancora identificazioni. Sperano di andare in Italia, ma iniziano ad avere dubbi su quella che potrà  essere la loro sorte reale. Cominciano ad arrivare voci da Tunisi su amici e parenti rimpatriati, e così la tensione e la paura aumentano. Quando incontriamo Kadli sulla banchina del porto, Berlusconi ha appena finito di parlare. L’amaro in bocca è ancora molto forte e le parole che pronuncia in inglese non fanno che accrescerlo. Ci chiede perchè la polizia non gli ha permesso di ascoltare il discorso del presidente del consiglio, perchè i suoi amici lampedusani sono passati e lui è stato bloccato. Ci dice che questa non è democrazia e che Berlusconi si comporta come Ben Alì. È difficile non dargli ragione e ancora più difficile è provare a ripondergli quando ci chiede se le navi lo porteranno in Italia o lo rimpatrieranno. Sostiene di non poter tornare a Tunisi, che la polizia, scappata durante la rivoluzione, è tornata in molte città  e perseguita chi si è ribellato. Ma le storie individuali, i rischi dei singoli, i problemi particolari non contano mai nelle situazioni di «emergenza». Si impone una gestione indiscriminata, e perciò discriminante, delle persone, senza nessuna importanza per la complessità  dei percorsi singolari che hanno portato alla scelta di emigrare. Pacchi, numeri, cose da spostare tra un’isola e una penisola o tra un continente e l’altro, questo sono oggi i migranti arrivati a Lampedusa. Durante il suo discorso, a un certo punto, Berlusconi ha detto: «L’isola è diventata il punto di frontiera tra civiltà  senza democrazia, senza libertà , senza benessere e la civiltà  occidentale, europea che invece gode della libertà , della democrazia e del benessere». Sarebbe quella che stiamo vedendo in questi giorni quaggiù la civiltà  della democrazia e del benessere? O forse le garanzie e le tutele che questa presunta civiltà  garantirebbe non si assegnano secondo una discriminante geografica, ma solo in base al paese di provenienza o all’eventuale possesso di un permesso che conceda il diritto ad avere diritti?


Related Articles

GUANTANAMO. Spuntano tre nuovi nastri della Cia, Marocco coinvolto

Non tutti i nastri degli interrogatori di presunti terroristi voluti dalla Cia sono stati distrutti. Ce ne sono tre (due video e uno audio) che mostrano Ramzi Binalshibh, detenuto di Guantanamo accusato di essere la chiave di volta degli attacchi dell’11 settembre 2001. L’avvocato del detenuto, Thomas Durkin, sostiene i documenti sarebbero «estremamente rilevanti» in un processo che non è ancora iniziato ufficialmente.

«Una tragedia disumana Non c’è limite al peggio»

LAURA BOLDRINI (UNHCR)
 «Non c’è proprio limite al peggio». Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) dovrebbe ormai essere abituata alle tragedie che si consumano ogni giorno nel canale di Sicilia (una media di 8 morti al giorno nel 2011), eppure questa volta è particolarmente colpita da quei 25 corpi chiusi dentro i sacchi sul molo di Lampedusa.

«Due bimbi in marcia nel deserto Così mio padre e mio zio si salvarono»

MILANO — Che cosa significa essere armeno? Ardavast Serapian sorride e abbassa lo sguardo: «Significa sentire una storia dai genitori, dagli anziani della nostra comunità , e cominciare a raccontarla».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment