25 aprile 2011

Qui sarebbe ingeneroso paragonare la «cosa» informe e spesso deforme che l’Italia è diventata a fronte delle speranze originarie che la Liberazione aveva suscitato: retorica tante volte prodotta nel corso del tempo, sempre malinconica e in fondo sterile.Maci troviamo, ed è la sensazione che tutti avvertono, alla conclusione di un ciclo lunghissimo, per molti soggettivamente interminabile, durato ormai quasi vent’anni: una fine che non sarà  indolore e che potrà  assumere risvolti drammatici, aperti ad avventure senza ritorno. Qui il bilancio si può fare, ed è necessariamente impietoso: l’Italia esce dalla «Seconda Repubblica » impoverita e incanaglita, impantanata in un presente eterno e precario, senza alcuno sguardo su un futuro percepibile. Abbiamo un Parlamento che quanto più accampa pretese di onnipotenza tanto più è privo di rappresentatività  autentica, composto di nominati, venduti e comprati. Siamo fuorusciti dalla civiltà  del proporzionale su cui si era fondata la democrazia repubblicana, abbiamo sostituito i partiti politici con comitati elettorali e più spesso comitati di affari. I cittadini sono ridotti a sudditi che ogni cinque anni possono votare per un caudillo, ma non possono in ogni caso scegliere i propri rappresentanti: i metodi di selezione di questi ultimi sono tristemente noti a tutti, e fanno dell’Italia nel mondo una tragica barzelletta che non diverte più nessuno, anche se è degradante la prostituzione morale e intellettuale, assai più di quella specifica. Se fossimo in presenza della «dittatura di una maggioranza» potremmo discuterne con dotte disquisizioni, da Tocqueville in poi: ma siamo riusciti a inventare il sopruso di una minoranza, che spadroneggia sul resto del paese grazie a leggi elettorali che falsificano il voto dei cittadini, abbattono il principio di eguaglianza, e che non esistono, con tale brutale arroganza, in nessuna parte del mondo. Non siamo più una Repubblica parlamentare: il Parlamento non rappresenta la società  italiana, è ridotto a parco buoi che deve votare la fiducia a un governo e le leggi di un potere esecutivo che pretende di assolvere a funzioni legislative e che non accetta più alcuna forma di contrappeso istituzionale. Non esistendo più corpi intermedi, autorevoli e riconosciuti, tutto il peso della dialettica civile in questo paese è da fin troppo tempo ricaduto sulle spalle di istituzioni di garanzia in passato mai discusse, Presidenza della Repubblica e Corte Costituzionale. C’è una banda che ormai si gioca tutto, e che deve la sua sopravvivenza, politica e affaristica, alla occupazione del potere. Andiamo verso lo scontro istituzionale tra un potere abusivo e arrogante e gli organi di garanzia che ancora resistono e che si vuole smantellare. È una partita da cui dipenderà  la forma residua della nostra democrazia o lo scivolamento definitivo nell’abisso di una post-democrazia plebiscitaria. In questo quadro – e solo nel quadro di una probabile prova di forza – potrà  assumere un ruolo determinante anche la fedeltà  repubblicana di tutte le istituzioni, a cui nessuno può chiedere di esorbitare dalle proprie funzioni.Ma dovrebbe contare anche e soprattutto la volontà  e la passione dei cittadini, il farsi parte attiva di una resistenza civile che deve significare restituire senso e significato a parole usurpate come libertà , democrazia, diritti, dignità  del lavoro: concetti alti e nobili che un tempo il 25 aprile riassumeva in una sintesi ovvia e naturale, e che oggi vanno riconquistati, prima che sia troppo tardi.


Related Articles

Quei veti incrociati sulla testa dei presidenti

Veti incrociati e contropartite quando nella sfida del Quirinale l’elezione arriva al primo colpo.  Così il metodo De Mita portò ai voti record di Cossiga.  Natta andò da solo a casa di Agnes per trattare col leader democristiano. Tra gli altri propose i nomi dei cattolici Elia e Lazzati  

Per la sinistra ferita serve una costituente

LA MANIFESTAZIONE cui la Fiom ha chiamato ieri a Roma in nome del lavoro e dei diritti era la benvenuta. Le persone di sinistra – scriviamolo senza preoccuparci di definirlo, “come se” lo sapessimo – sono state raramente così tristi. La manifestazione è andata coraggiosamente contro questo stato d’animo.

“Era un atto anticostituzionale sappiamo essere severi da soli”

Sabelli, presidente dell’Anm: dal ’99 al 2008 sono state decise 260 condanne disciplinari Veniamo da un periodo difficile, ma il premier mostra un atteggiamento più tecnico e serenoPer giudicare con cognizione di causa bisogna conoscere come funzionano gli uffici

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment