Arrestati quattro affiliati del clan Lo Giudice “A Reggio bombe per punire i magistrati”

REGGIO CALABRIA – Decisero di dar vita alla strategia della tensione per punire i magistrati che li avevano messi sotto scacco. Così quando cercarono di aggiustare le «cose», trovando «le porte chiuse» iniziarono a mettere bombe in città . Una strategia voluta dai fratelli Luciano e Nino Lo Giudice, capi dell’omonima cosca, come una sorta di vendetta. A delineare il quadro è stata l’inchiesta della Dda di Catanzaro, grazie al contributo fornito dallo stesso Nino Lo Giudice, pentitosi, ed auto accusatosi degli attentati, chiamando in causa il fratello ed altre due persone: Antonio Cortese, ritenuto l’esperto di esplosivo della cosca, e Vincenzo Puntorieri. Per tutti e quattro sono scattati gli arresti, eseguiti dalla squadra mobile e dai carabinieri del comando provinciale. I quattro sono ritenuti responsabili dei due attentati compiuti il 3 gennaio 2010 contro la sede della procura generale di Reggio ed il 26 agosto contro il portone dell’abitazione del procuratore generale Salvatore Di Landro, oltre all’intimidazione portata a termine il 5 ottobre ai danni del procuratore, Giuseppe Pignatone, col ritrovamento di un bazooka a poche centinaia di metri dalla procura. Nelle sue dichiarazioni ai magistrati, Antonino Lo Giudice ha anche riferito di essersi rivolto a due magistrati, il sostituto procuratore generale Franco Mollace, ed il procuratore aggiunto della Dna, Alberto Cisterna, chiedendo loro di intercedere dopo l’arresto del fratello Luciano. Alla loro risposta negativa, ha spiegato poi Lo Giudice, la cosca avviò la strategia degli attentati. Di «porte chiuse» in faccia ai Lo Giudice ha parlato il procuratore di Catanzaro, Vincenzo Lombardo. «Probabilmente – ha spiegato – i Lo Giudice avevano male interpretato la natura di alcuni rapporti pregressi agli attentati con i due magistrati». Nel corso di un colloquio del 22 maggio scorso Luciano Lo Giudice invita la moglie a mettersi in contatto con Cisterna, manifestando l’intenzione di volere iniziare a collaborare con la giustizia proprio con il magistrato della Dda.


Related Articles

Tagli anche sui Farmaci salvavita l’ultima Parola spetta alla Ricerca

La coperta è sempre più corta e la sanità  deve fare i conti con un costante aumento dei costi per le cure (farmaci in primis), e con un budget sempre più limitato (che non cresce come sarebbe necessario, ma siamo in tempo di crisi). 

Indennità di accompagnamento e invalidità Ecco il piano dei risparmi antiabusi

Tra i tagli da 7 miliardi proposti per il 2014 dalla spending review del commissario Carlo Cottarelli, non ci sono il blocco dell’indicizzazione delle pensioni, l’intervento su quelle di reversibilità, lo sfoltimento di quelle di guerra e delle indennità di accompagnamento, la sforbiciata agli abusi sulle invalidità

Spending review: tagli choc al Welfare

Spending review e macelleria sociale. Il Fondo Politiche sociali perderà oltre 200 milioni, 50 in meno alla non auto-sufficienza. Le regioni: «L’anno prossimo i tagli saranno maggiori». Le associazioni: «Un fatto gravissimo»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment