Escamotage nucleare

Sul punto la giurisprudenza della Corte costituzionale si è espressa in modo chiaro sin dal lontano 1978 (sent. n. 68 del 1978): lamodifica legislativa intervenuta nel corso del procedimento referendario non è in grado di impedire lo svolgimento del referendum qualora l’abrogazione non colpisca «i principi ispiratori della complessiva disciplina preesistente » ovvero «i contenuti normativi essenziali dei singoli precetti ». In tali casi il referendum si effettua egualmente, sebbene «sulle nuove disposizioni legislative ». Il linguaggio della Corte sarà  tecnico,mail senso è del tutto evidente. Ciò che si vuole evitare è che lamaggioranza parlamentare introducamodifiche marginali ovvero adotti un escamotage normativo – come ben evidenziava l’intervento ieri del ministro per lo sviluppo economico Romani – al solo fine di impedire l’espressione della volontà  popolare. È perciò che è stato assegnato a un giudice (l’Ufficio centrale) il delicatissimo compito di valutare la natura dell’abrogazione e se questa soddisfi o meno la pretesa dei promotori del referendum. Per stabilire se l’abrogazione delle norme sottoposte al referendum del 12 e 13 giugno abbiano tale carattere l’Ufficio centrale dovrà  prendere in considerazione gli effetti conseguenti all’intervento del legislatore. E il punto più delicato sembra essere il carattere definitivo o meno della scelta contraria alla produzione dell’energia tramite la costruzione delle centrali termonucleari. È questo infatti il «principio ispiratore » su cui si fonda l’iniziativa referendaria. Può dirsi che la cancellazione delle specifiche norme oggetto del referendum comportino una rinuncia definitiva da parte del governo della scelta nucleare? Ovvero esse sono solo un modo per bloccare il pronunciamento popolare? Diversi indizi dovrebbero far ritenere che si tratta di uno stratagemma politico, dunque non in grado di impedire il referendum. Anzitutto sono le stesse dichiarazioni del governo nonché gli atti precedentemente posti in essere, che evidenziano la volontà  di sospendere solo momentaneamente le decisioni in materia di produzione energetica. La moratoria precedentemente stabilita,masoprattutto l’espressa motivazione che sostiene la proposta di abrogazione dell’attuale normativa, non sembrano lasciare adito a dubbi.Una pausa di riflessione resa necessaria – si esplicita – «al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche mediante il supporto dell’Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare, tenendo conto dello sviluppo tecnologico in tale settore e delle decisioni che saranno assunte a livello di Unione Europea ». Più chiaro di così. Un rinvio in attesa di tempi (politici, oltre che tecnologici) migliori.


Related Articles

Sinistra 12 punti sopra Pdl e Lega i centristi al 16%, Grillo a quota 13

Vince il centrosinistra, il Pdl non rimonta a un mese dal voto 12 punti di distacco Sondaggio Demos: 30% di incerti, molti di loro nel 2008 con Berlusconi

A UN mese dal voto, la rimonta del Cavaliere, evocata da alcuni commentatori e analisti, non pare ancora iniziata. È ciò che emerge, almeno, dal sondaggio condotto nei giorni scorsi da Demos. Quando – va chiarito– l’affaire Mps non era ancora esploso. Non sappiamo, dunque, se abbia modificato il clima d’opinione degli italiani.

Don Verzé: “Giudicatemi pure, io come Cristo”

Il ruolo di Mario Cal. Milano, lettera del presidente del San Raffaele ai pm: sono l’ispiratore, mia ogni responsabilità .    Nulla di quanto connesso alla funzionalità  del San Raffaele mi è estraneo: non so come Mario Cal abbia gestito la sua funzione, ma escludo che abbia agito nel suo particolare interesse “Gesù dopo aver guarito tanti malati fu arrestato, offeso e condannato E non si difese”  

Tensioni sindacali dietro lo strappo Rossi-De Magistris

Il giorno dopo l’addio di Raphael Rossi all’Asia è polemica sul comune. Poco chiare le motivazioni delle dimissioni dopo soli sei mesi, dicono in coro i sostenitori dell’enfant prodige piemontese, mentre il popolo della rivoluzione arancione controbatte che se De Magistris ha deciso un trasferimento ad altre funzioni avrà  avuto le sue ragioni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment