Euro rottamati e riparati in Cina truffa alla tedesca

BERLINO – Anche i perfetti tedeschi, a volte, sono sensibili al fascino del crimine. Venticinque persone – tra assistenti di volo della Lufthansa e personale della Bundesbank (ma l’istituto smentisce) – sono sotto inchiesta. E sei sono già  finite in prigione. Avrebbero causato un danno di almeno 20 milioni mettendo in circolazione monete da un euro ritirate dalla circolazione perché rotte o troppo consunte, e “riparate” da falsari cinesi. La sospetta truffa funzionava così. Ogni anno la Bundesbank, come altre banche centrali dell’eurozona, ritirava dalla circolazione tonnellate di monete in cattive condizioni e le rendeva inutilizzabili. Come? Separando il cerchio esterno dall’interno. La criminalità  organizzata comprava le tonnellate di euro come rottami di metallo e le esportava a tonnellate in Cina. Là  i bravissimi esperti locali riparavano e rimontavano le monete. Poi le monete venivano riportate in Germania con la complicità  di assistenti di volo Lufthansa. I quali prendevano sempre la precauzione di viaggiare con meno di 10mila euro in monete. Queste sono sempre pesanti, ma non vanno denunciate in quella quantità . Una volta in Germania, gli euro riciclati dai falsari cinesi venivano cambiati in banconote valide. La truffa è stata scoperta – raccontano – per il nervosismo di una hostess che si è fatta notare da ufficiali della dogana per come accudiva al suo bagaglio, pieno appunto di euro “cinesi” rimontati. Nessuno è perfetto, dunque. Ma almeno questo fantasioso raggiro fa apparire più umani i severi tedeschi.


Related Articles

Se fallire è come morire

L’iniziativa nazionale di artigiani, commercianti e micro impresari per aiutare, con i professionisti della psiche, chi soccombe alla catastrofe economica ma anche al paradigma culturale che identifica l’insuccesso con l’incapacità 

Camusso: la Cgil non ha governi amici

Intervista alla leader della Cgil dopo il congresso nazionale. Decreto Poletti? Peggio di prima, ricorreremo in Europa

Muore cadendo dal tetto della Scavolini di Pesaro

Un operaio di 33 anni, specializzato nella rimozione di coperture in eternit e dipendente di una ditta esterna, è morto dopo essere precipitato dal tetto di un capannone industriale della «Scavolini cucine», a Pesaro.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment