Fiat accelera e sale al 46% di Chrysler 1,2 miliardi per il 16%, il titolo vola

TORINO – Fiat salirà  al 46 per cento di Chrysler entro la fine del secondo trimestre 2011. A un anno esatto dal lancio di Fabbrica Italia, Sergio Marchionne accelera e annuncia «l’accordo con i soci di Chrysler». Eserciterà  l’opzione per l’acquisto di nuove azioni (la “Incremental equity call option”) contestualmente al rimborso integrale «nel secondo trimestre 2011 del debito di Chrysler verso i governi statunitense e canadese». Il comunicato del Lingotto precisa che «il prezzo complessivo per l’esercizio della call option (l’opzione, appunto) sarà  di 1.268 milioni di dollari Usa». A questi prezzi Chrysler varrebbe oggi poco meno di 7 miliardi di dollari. Ma è plausibile che una volta quotata in Borsa il suo valore sia destinato a salire di molto. L’annuncio di Torino fa impennare il titolo a Piazza Affari dove a fine giornata si registrerà  un balzo del 4,49 per cento a 6,87 euro, il secondo significativo avanzamento dopo quello dell’altro ieri in concomitanza con la diffusione della trimestrale. L’unica nota negativa nella giornata di Fiat spa è l’annuncio che Fitch metterà  sotto osservazione il titolo di Torino per un possibile downgrade (un declassamento). Non è la prima volta che le agenzie di rating storcono la bocca di fronte alla scalata di Detroit ritenendo che l’esborso di Fiat possa incidere negativamente sui conti del gruppo: «Non ci saranno effetti sui target per il 2011», ha risposto ieri Marchionne agli analisti. Oggi per Fitch il rating a breve di Fiat è “B” mentre quello a medio lungo termine è “BB+”. La mossa di Marchionne ha riaperto le polemiche sul futuro della Fiat in Italia. Il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi ha giudicato «una via virtuosa» quella imboccata dall’ad di Torino e ha aggiunto che Fiat «è un player italiano che comunque rimane radicato in Italia». Il responsabile lavoro del Pd Stefano Fassina appare meno ottimista: «Ci auguriamo che Marchionne metta nella realizzazione del piano industriale lo stesso interesse e ottenga lo stesso successo che ha nelle iniziative finanziarie». Le reazioni sindacali riflettono le tensioni riesplose in questi giorni sul contratto della ex Bertone, che il Lingotto vuole simile a quelli di Mirafiori e Pomigliano. «La salita in Chrysler – dice Susanna Camusso, leader della Cgil – è la conferma dello spostamento del baricentro della Fiat verso gli Stati Uniti» mentre per Raffaele Bonanni (Cisl) «alla ex Bertone la Cgil crea problemi perché continua a guardare indietro». Ieri al Lingotto si è riunito il cda della Fiat Industrial per la prima trimestrale dopo la separazione dalla Fiat Spa. La società  che produce macchine agricole (Cnh) e camion (Iveco) ha migliorato i conti rispetto allo stesso periodo del 2009 con un utile netto di 114 milioni (che si confronta con una perdita di 34 nel 2010) e ricavi per 5,3 miliardi, in crescita del 19 per cento. Industrial ha confermato i target del 2011 creando così qualche malumore in Borsa che ha pesantemente punito il titolo (-3,45 per cento a 9,8 euro). «Non è mai accaduto che nel primo trimestre aumentassimo i target», ha commentato Marchionne in conference call. L’ad ha anche precisato che non è allo studio alcuna alleanza tra Iveco e la divisione camion della Daimler: «Sia chiaro: tutto il chiasso che c’è intorno a Daimler e Iveco è creato da Daimler».


Related Articles

Perché non si può cancellare il reintegro

Il Financial Times, in un editoriale pubblicato ieri, invita il “governo dei tecnocrati” di Mario Monti a non cedere alle pressioni politiche e sindacali che puntano a modificare la riforma del mercato del lavoro. La fiducia dei mercati verso l’Italia è talmente fragile, sostiene il giornale della City, che anche un piccolo passo indietro potrebbe minare questa ritrovata ma provvisoria credibilità . Quindi il governo mantenga ferma la linea sul licenziamento individuale senza reintegro, così lo spread e i tassi dei titoli del debito pubblico italiano resteranno sotto controllo, altrimenti saranno guai.

Il «reddito di cittadinanza» gialloverde: da diritto delle persone a beneficio fiscale per le imprese

Legge di bilancio. Lega e Cinque Stelle discutono su quante mensilità del sussidio di povertà detto impropriamente “reddito di cittadinanza” destinare alle aziende.

Job’s Death. Quattro operai soffocati dai veleni

Veneto. Strage alla Co.Im.Po di Adria. I lavoratori trattavano rifiuti industriali senza maschere di protezione. La procura apre un’inchiesta per omicidio colposo plurimo: evidenti problemi di sicurezza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment