I disastri della guerra

Si fanno solo più morti innocenti, si accumula più rabbia, rancori, catene di risentimenti. Sopratutto si ammazza la sola forza che può, per difficile che sia e certo in tempi lunghi, ottenere ciò che con gli interventi militari detti umanitari non si strappa: una società  civile articolata, capace di creare egemonia, di intervenire sul potere, di controllarlo, denunciarne gli abusi. Meccanismi elettorali e istituzioni calate dall’alto, senza questo protagonismo sono solo belletto, così come le bombe servono solo a far tacere, intimidire,confondere, marginalizzare ogni soggettività  popolare.
Lo so che talvolta la via della pace è difficile e si vorrebbero delle scorciatoie per cacciare più presto questo o quel dittatore. Ma non ci sono: restano solo più cadaveri, e non vorrei entrare nel conteggio di quanti siano quelli dei ribelli e quanti dei coscritti di Gheddafi. Il fatto anche più grave è che ferite gravemente già  appaiono le primavere arabe che dalla vicenda libica non escono rafforzate ma deviate per via di un intervento esterno ed autoritario che ha loro tolto ruolo. Per via di un’azione armata che ha già  scelto i suoi paladini: i prodi ministri scappati all’ultimo momento (e fra questi persino che si è stato a capo nientemeno che del dicastero della giustizia e degli interni del regime) ai quali viene affidato il compito di costruire la democrazia libica.
C’erano altre soluzioni che, dopo la prima ribellione di Bengasi, avrebbero potuto favorire una via d’uscita, quella che sin dai primi giorni ha continuato a suggerire monsignor Martinelli: il negoziato, la mediazione, ma anche l’isolamento politico che avrebbe potuto alla fine e con meno sangue strozzare il regime. Non ci si è neppure provato, si è scelta la via dei bombardamenti a tappeto, la violazione del mandato dell’Onu, ora si discute di armare i ribelli e si inviano le «truppe dell’ombra», i consiglieri della Cia, entrando a gamba tesa in una vicenda che riafferma il potere dei più forti di decidere sugli affari del mondo: libertà  di fare quel che vuole al sovrano del Bahrein, o ai militari israeliani a Gaza, non a Gheddafi. Cui naturalmente questa libertà  andrebbe tolta, e al più presto. Ma se lo si fa in nome di questa pelosa giustizia sarà  difficile far accettare a chiunque nuove regole di convivenza internazionale.
Giorni fa al Left Forum che come ogni anno si tiene a New York riunendo circa 5.000 militanti della variegata sinistra americana, avrebbe dovuto intervenire una donna afghana, deputata nella passata legislatura. Washington le ha negato il visto, ma si è riusciti a vederla e ad ascoltarla ugualmente attraverso sky pay e l’immagine ingrandita sullo schermo in una grande affollatissima sala. Se venissero ascoltate le sue parole, non dico dai potenti che hanno buone ragioni per tapparsi le orecchie, ma da chi tentenna di fronte alla condanna delle guerre umanitarie, capirebbe cosa vuol dire esser state «liberate» dalle armi e imparerebbe che l’alternativa non è stare con le mani in mano, ma sostenere – e ci sono mille modi di farlo – chi si impegna a far crescere, dal di dentro, le condizioni del protagonismo democratico.


Related Articles

La guerra della Turchia

Un kamikaze bambino uccide 50 persone alla festa per un matrimonio curdo e si allunga la scia di sangue che va avanti da mesi. Erdogan incolpa lo Stato islamico Ma lo scenario è complesso. E al centro di tutto c’è la Siria

August 1969: When the “Troubles” began

Fifty years ago this week in the space of five days, the north of Ireland changed for ever. A look back by historian and commentator Dr Éamon Phoenix (abridged) (for the Irish News)

Truppe keniote in Somalia Caccia ai militanti islamici

Gli Shabab: ritiratevi o colpiremo le vostre città 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment