La solitudine degli ex grandi

Quando, a Pittsburgh nel 2009, annunciò il «depotenziamento» del G7, la «cabina di regia» euro-nippo americana, in favore del più ampio G20, Barack Obama, ancora fresco inquilino della Casa Bianca, sperava di responsabilizzare le nuove potenze mondiali. Cercava di spingere la Cina e gli altri a uscire allo scoperto, a giocare un ruolo più rilevante in una gestione coordinata dei mercati, dei cambi, dei rapporti economici e commerciali internazionali. Con l’obiettivo di ridurre gli squilibri finanziari e favorire la costruzione di un consenso multilaterale anche sulle principali questioni politiche. A un anno e mezzo da quel «nuovo inizio» , la Cina e i suoi compagni di strada accolgono l’invito ad alzare il loro profilo, ma non si incamminano nella direzione auspicata dall’America e dagli stessi europei. Mentre a Washington il G7 finanziario non prende decisioni rilevanti e il G20 cerca faticosamente un accordo almeno verbale per non far deragliare il treno della cooperazione economica, dalle spiagge cinesi di Sanya, Brasile, Russia, India e Cina concludono il vertice dei Bric — da quest’anno allargato al Sudafrica — con una dichiarazione zeppa di parole d’ordine nette, politicamente dirompenti. Affermazioni che, più che la voglia di accomodarsi su un ponte di comando comune, denotano la volontà  di «certificare» la forza di un’associazione di Paesi che fra tre anni raggiungerà  il Pil degli Stati Uniti e che conta di scavalcare in meno di un quarto di secolo l’intero Occidente industriale rappresentato dal G7. Una situazione nuova che avrà  conseguenze in tutti i campi: dall’Onu dove gli emergenti vogliono pesare di più al Fondo monetario internazionale che, «iperliberista» nell’era del mondo unipolare dominato dagli Usa, si convince all’improvviso che i controlli sui movimenti dei capitali non vanno demonizzati, anzi a volte sono utili, ora che cresce il peso di Paesi emergenti che basano le loro politiche su un più elevato livello di dirigismo. Gli Stati Uniti, indeboliti dalla loro crisi economica, non riescono a riportare il timone dell’economia internazionale su una posizione più favorevole ai loro interessi, ma sembrano consapevoli di quello che sta accadendo e qualche carta da giocare ce l’hanno: l’India, ad esempio, con la sua storia di conflitti con Pechino, non può prescindere più di tanto dalla sua alleanza economica e militare con Washington. E il Brasile, che soffre per la forza eccessiva della sua valuta, ha, proprio come gli Usa, interesse a premere sulla Cina per una rivalutazione dello yuan. Divisa sulla Libia, gli immigrati e anche su debito e politiche per la crescita, l’Europa stenta, invece, a prendere atto della nuova realtà : magari non durerà , ma oggi sembra più facile mettere d’accordo Asia e Sudamerica che i due lati delle Alpi.


Related Articles

Stretto di Hormuz, la guerra delle petroliere

Quarant’anni dopo la rivoluzione khomeinista, la “guerra delle petroliere” mostra tutti i fallimenti americani nella regione. Con la complicità europea

Caso Khashoggi. Due anni dopo l’omicidio, il principe saudita resta intoccabile

Ben pochi dubitano del ruolo di mandante avuto dall’erede al trono nell’assassinio del giornalista avvenuto nel consolato saudita a Istanbul il 2 ottobre 2018. Lo ha accertato anche la Cia. A proteggerlo è Donald Trump nel nome degli interessi strategici ed economici degli Usa

La sequenza infernale dell’Europa

Il progetto di unificazione europea sta arrivando in un punto critico. L’eventuale espulsione della Grecia dall’eurozona segnerà nel modo più formale l’incompatibilità tra la moneta comune e qualsiasi politica economica espansiva

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment