Le ossessioni del capo

 Così, il Capo va protetto da indagini e processi, perché il suo ruolo è troppo importante perché lo si possa disturbare con “bazzecole” mentre “deve difendere il suo Paese in politica estera” (la citazione letterale è dovuta). Così, è ormai venuto il momento di vibrare il colpo finale: andare alle urne per elezioni anticipate e confermare l’attuale maggioranza, coesa, dura e pura, per potere finalmente, nel quarto tempo della parabola tendenzialmente infinita di Berlusconi, riformare la Costituzione e in particolare la Giustizia. Così, soprattutto, si potrà  mettere in chiaro che la sovranità  appartiene al popolo, che la “cede” (letterale) al Parlamento; e che quindi questo – naturalmente si parla della maggioranza, opportunamente prodotta da un’apposita legge elettorale – deve essere lasciato legiferare in santa pace, al riparo dalle pretese di una Corte Costituzionale oggi in mano ai comunisti e ai pm di sinistra, che non si potrà  più permettere di disfare con un tratto di penna i frutti di un lungo lavoro parlamentare (con particolare riguardo al lodo Schifani, al lodo Alfano e alla legge sul legittimo impedimento).

Il registro espressivo di questa politica è ormai paradossale, isterico, estremistico: è strutturato per ossessioni. Che sono certamente rivolte a utilizzare e attizzare pulsioni di lungo periodo dell’elettorato del Pdl, ma che ormai sono, altrettanto certamente, condivise anche da Berlusconi, che ne è come prigioniero, in una sorta di perfetta identificazione tra se stesso e il suo popolo. In una solitaria prefigurazione di un regime monocratico.
La prima è quella del comunismo: Berlusconi lo vede ovunque, nei pm, nei giudici, nel personale politico dei partiti d’opposizione. Non sa bene che cosa è, e non si cura di definirlo per i suoi ascoltatori; al riguardo s’intendono benissimo: c’è una sorta di precomprensione empatica tra di loro. Comunismo è una natura diabolica che si impossessa di una persona e non la abbandona mai più, rendendola per sempre malvagia e animata da spirito critico verso la tradizione, il buon senso, le persone per bene e i buoni sentimenti; e soprattutto istillando odio per lui, per Berlusconi. Comunista, anzi, è chiunque si opponga al Cavaliere e alla sua politica, anche se – poniamo – è liberale. Questo anticomunismo è la vendetta postuma del moderatismo italiano contro la sinistra, nell’epoca storica che sta vedendo l’estinzione di questa. 
L’altra ossessione, fondamentale, è quella della magistratura – che va insultata e minacciata con particolare enfasi e vigore –; e qui emerge un altro elemento storico chiarissimo: Berlusconi è la rivincita postuma di Craxi su Mani Pulite, ed è al tempo stesso l’esorcisma collettivo della maggioranza degli italiani verso il soprassalto di legalità  che li colse vent’anni fa, e che ora va dimenticato come un lontano errore. 
L’ultima ossessione – anche questa condivisa da Berlusconi e dalla sua ‘gente’ – è quella del popolo; entità  misteriosa, evocata continuamente come ‘sovrana’ contro le élites, anzi contro l’ultima élite sopravvissuta: appunto la magistratura. Che questo sovrano sia maneggiato, attivato e disattivato a piacere da Berlusconi e dalle sue molte macchine comunicative non è percepito dal popolo stesso, che ha appreso da tempo a sentirsi libero solo quando per bocca del Capo può sfogare il proprio rancore postumo contro gerarchie sociali e culturali ormai tramontate. Il trionfo della maggioranza sulla competenza, dell’omogeneità  sulla distinzione, si compie così, felicemente, attraverso il magnate populista, attraverso colui che sta costruendo per sé solo l’eccezione assoluta che lo rende superiore a ogni norma e a ogni regola. 
È, quello di Berlusconi, un populismo monocratico, reso profondamente antidemocratico appunto dal richiamo al popolo a vantaggio di una persona sola. E soprattutto dalla necessità  che il cavaliere ha di alimentarlo con l’attivazione di un conflitto permanente tra il popolo e le istituzioni. Un populismo di micidiale efficacia, che viene da un passato collettivo potenziato dalla volontà  di Uno, e che cerca di impadronirsi del futuro; un populismo che è frenato solo, per ora, da ciò che – giustamente – esso identifica come il proprio avversario: il moderno costituzionalismo, il sistema di equilibri e di garanzie, che informa di sé la nostra Costituzione. Il baluardo che ci separa da una postmodernità  squilibrata, informe e feroce.


Related Articles

Il Terzo polo tenta la spallata “Se Silvio si fa da parte spazio a Letta”

Pdl e Fli, ok alla “sosta” per evitare incidenti    Pisanu vede il leader centrista che assicura: “Tra i miei non ci saranno cedimenti” Oggi il vertice tra Fini, Casini, Rutelli e Lombardo per concordare tutte le mosse  

LA LUNGA SUPPLENZA

IL GOVERNO di Mario Monti nasce dall’emergenza. Dalla debolezza della maggioranza che sosteneva il precedente esecutivo, dall’asfissia del sistema politico complessivo e soprattutto dal drammatico acuirsi della crisi economica.

Ombra Draghi sul drago Silvio

La crisi politica coincide con una crisi istituzionale. Alla commemorazione di Padoa Schioppa Napolitano elogia i «servitori dello stato che conoscono il senso del limite e della responsabilità » e senza dirlo impone la via crucis di palazzo Chigi al governatore di Bankitalia: «Per ciascuno di essi può venire il momento di assumere eccezionalmente funzioni politiche dirette, rappresentative e di governo, senza sottrarsi a quel difficile esercizio»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment