«Sì ai permessi temporanei, la Francia ci è ostile»

ROMA — Il decreto ora c’è. Prevede un permesso temporaneo di soggiorno per motivi umanitari per tutti: clandestini e richiedenti asilo, tunisini e altri nordafricani, giunti in Italia «dall’ 1 gennaio alla mezzanotte del 5 aprile 2011» . E all’articolo 3 consente ai possessori «di un titolo di viaggio la libera circolazione nei Paesi Ue, conformemente alle previsioni della convenzione di applicazione di Schengen» . Il governo si ricompatta, fa partire da Lampedusa il primo rimpatrio aereo di 30 tunisini, inizia a ridimensionare la tendopoli da 4000 posti di Manduria, riguadagna, nel ruolo di mente operativa, il sottosegretario Alfredo Mantovano e amplia i poteri di accoglienza alla Protezione Civile di Franco Gabrielli. Ma la Francia non ci sta. E scoppiano scintille diplomatiche. Lo dichiara il ministro dell’Interno Claude Guéant: «All’interno dello spazio Schengen non basta avere un’autorizzazione di soggiorno in uno degli Stati membri ma sono necessari documenti di identità  e, soprattutto, una giustificazione di risorse» . «Un segnale ostile» dichiara alla Camera il ministro dell’Interno, Roberto Maroni. E la sera a Porta a Porta aggiunge: «Se la Francia li blocca esca da Schengen» . Oggi Guéant sarà  a Milano a colloquio con Maroni, che annuncia: «Tutto si risolverà » . In attesa del bilaterale Berlusconi Sarkozy del 26 aprile, meglio evitare strappi. «La Francia è un Paese amico con cui bisognerà  trovare linee d’intesa» , spegne il ministro della Difesa La Russa. Ci si appella all’Europa. Il presidente del Senato, Renato Schifani, sottolinea che «il problema dell’immigrazione clandestina non è un problema italiano, è un problema europeo. Chi ritiene di doverlo recintare all’interno del nostro stesso Paese si sbaglia» , con chiaro riferimento alla Francia. Ma il portavoce Ue, Marcin Grabiec, disillude. Dare un permesso, spiega, «non implica che queste persone abbiano un permesso automatico di viaggiare» . A frontiere francesi chiuse, dunque, non ci sarebbe lo «svuotamento della vasca» auspicato dal leader leghista Umberto Bossi, che vuole una «politica dura» . E complesso sarebbe gestire l’ondata di risacca degli oltre 22mila tunisini, cui ora si sommano gli oltre duemila profughi. Già , perché il testo uscito ieri dal Consiglio dei ministri, ancora in bozza, parla di rilascio del permesso per motivi umanitari agli «appartenenti ai Paesi del Nordafrica» , «affluiti» in Italia fino alla «mezzanotte del 5 aprile» . Salvo ritocchi, resterebbero fuori anche i sopravvissuti al naufragio di mercoledì all’alba. Per quelli cui il permesso «non è stato rilasciato o è stato revocato» si dispone «il respingimento o l’espulsione» . Anche «con accompagnamento immediato alla frontiera» . Niente permesso per gli appartenenti a categorie «socialmente pericolose» o espulsi con notifica anteriore all’ 1 gennaio. Regolarizzati anche i richiedenti asilo la cui richiesta «può essere convertita» in richiesta di permesso, come si legge al comma 5 dell’articolo 2. Il permesso sarà  concesso «gratuitamente» . E potrà  essere richiesto entro 8 giorni alle questure che dovrebbero approntare «specifiche procedure d’urgenza» . Ma non è ben approfondito come si garantirebbero controlli atti proprio ad evitare la regolarizzazione di criminali.


Related Articles

Le tre violazioni americane

Mi duole dirlo perché, come molti lettori di Repubblica, ritengo che gli Stati Uniti siano una grande democrazia dotata di alcune ottime istituzioni e che molti politici e intellettuali statunitensi abbiano tanto da insegnarci, a noi europei. Mi duole dirlo, ma l’uccisione di Bin Laden ha costituito una seria violazione di almeno due di tre principi etico-giuridici fondamentali.

Quei fantasmi alle nostre porte

Le colpe dell’Europa sono enormi perché non ha fatto niente per questi popoli

Granelli: stranieri, a Milano un Centro anti discriminazioni

A Milano un Centro contro le discriminazioni. Una prima riunione c’è già  stata. A breve, «entro Natale», la firma di un protocollo tra il Comune e l’Unar (Ufficio anti discriminazioni razziali presso la presidenza del Consiglio dei ministri).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment