Nel cimitero dei clandestini dove le lapidi sono di carta

Oggi, queste storie sono di bruciante attualità : fughe di massa, tensioni, morti. Persone. (Anche a Lampedusa ci sono migranti sottoterra, senza nome. In 13 anni, il guardiano del cimitero ha provveduto alla sepoltura di un’ottantina di corpi. E il settimanale Famiglia Cristiana, qualche giorno fa, ha invitato polemicamente il premier Berlusconi «a restaurare queste tombe, invece di pensare alla villa e al golf» ). Le foto scattate nel cimitero di Sicilia sono arrivate a noi, per caso. Non da un professionista. L’autore è Carlo Ottaviano, direttore del mensile Gambero Rosso, ragusano d’origine. Ma i suoi cari sono sepolti a Scicli. Racconta: «Avevo visto altre volte quelle lapidi. Avevo portato anche un fiore, come talvolta fanno altri visitatori. Lo scorso gennaio, d’istinto, mi è venuta l’idea di fermare le immagini» . Brandelli di vite misteriose come leggiamo sul foglio bianco di una delle tombe: cadavere di persona sconosciuta, sbarco Donnalucata. 04.12.2004. Con Sampieri e Cava d’Aliga, Donnalucata è una delle località  del comune di Scicli, dove approdano le barche degli extracomunitari. «Siamo più a sud di Tunisi e le spiagge sono uguali a quelle nordafricane — dice Ottaviano—. Ve n’è una, nei pressi di Punta Corvo, un tempo chiamata costa dei contrabbandieri, che è diventata punto di sbarco dei migranti» . Ma succede anche che il mare, oltre ai vivi, porti sulla sabbia i morti annegati. «Il naufragio dei senza nome che a Scicli tutti ricordano avvenne nel novembre del 2005 — spiega Adolfo Padua, ex sindaco della città  â€”. La carretta del mare proveniva da Malta, e numerosi furono i cadaveri ripescati vicino alla costa» . Aggiunge altri dettagli Giuseppe Savà , curatore di Scicli news: «Erano cinesi, tutti molto giovani, sui vent’anni. Non furono mai identificati e nessuno ha mai reclamato i loro corpi» . Così i ragazzi dell’Estremo Oriente finirono nel piccolo cimitero, accanto agli altri senza nome. Aggiunge Savà : «A onor del vero, si fece di più. Sulla facciata di un brutto palazzo di Scicli, uno degli sciagurati prezzi pagati alla modernità  edilizia, l’amministrazione comunale, il Natale dello stesso anno, provvide a collocare le luci, in loro memoria, che brillano nella notte» . E per tutti i morti che riposano nel cimitero siciliano, da qualche tempo si sta pensando a una sistemazione più degna. Forse una lapide collettiva, che ne tenga vivo il ricordo. Ma anche la comunità  dei vivi conta molti cittadini che sbarcarono sulla costa dei contrabbandieri. Lavorano nelle serre, gente tra la gente dei luogo. Elio Vittorini, ne Le città  del mondo (1969, uscito postumo), a proposito di Scicli scriveva: «Qui, ciascuno dev’essere come se fosse un re o un barone. Con tutti che lo chiamano Vossignoria. Con nessuno che può dargli del tu o trattarlo male. Con nemmeno il maresciallo che lo possa sgridare e insultare. Con niente che sia costretto a fare o non fare per paura…» .


Related Articles

Rimesse per la prima volta in calo: nel 2010 -5,4%

Secondo i dati della Fondazione Leone Moressa ogni straniero ha inviato in patria 1.508 euro. All’Asia destinata quasi la metà  delle rimesse. “Calo dovuto dalla crisi, ma anche dai ricongiungimenti familiari”

La violenza sommersa sulle donne: solo il sette per cento sporge denuncia

Il quadro del fenomeno ricordato durante la presentazione della prima indagine nazionale sui costi economici e sociali della violenza sulle donne realizzata da Intervita. Solo 18 donne su 100 considera reati le violenze subite

Cie e respingimenti dei libici, il Cir: “Dal governo provvedimenti allarmanti”

Il direttore Christopher Hein: “Sentire anche solo l’idea e la prospettiva di rimandare profughi verso un paese in guerra ci ha letteralmente inquietato”. Sul prolungamento della permanenza nei Cie: “Una punizione”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment