Primo maggio, scontro Renzi-sindacati . “Sui negozi aperti applico la legge”.

FIRENZE – Un tranquillo Primo maggio di scontro tra il sindaco Matteo Renzi e i sindacati. Cgil in testa. Il sindaco «rottamatore» del Pd conferma la scelta di consentire l’apertura dei negozi del centro durante la festa del lavoro. E per settimane va in scena lo scontro: «E’ una provocazione, il Primo maggio fa parte dei nostri valori, è una festa che dà  identità  ad un popolo e ad una nazione», ribadisce appena ieri a Firenze la leader Cgil Susanna Camusso. E il sindaco Renzi replica a sua volta: «Applichiamo solo la legge, siamo un centro turistico: vogliamo far trovare a chi viene una città  con i bandoni chiusi?».
Da settimane Firenze discute e si divide. Sottoponendo la politica a strane torsioni: dal Pdl che si schiera col sindaco Pd, al Pd che consuma nottate su documenti pro e contro. Ma proprio nel venerdì precedente il tanto conteso Primo maggio lo scontro raggiunge un nuovo, rumoroso picco. Allo sciopero di un’ora per la «prima» del Maggio musicale fiorentino si sommano improvvisamente quelli dei dipendenti del teatro della Pergola e dell’azienda pubblica di trasporto (Ataf). E il sindaco perde le staffe: «Strano che siano stati proclamati tre scioperi nel giro di un giorno, c’è una regia per alzare il tono dello scontro sindacale», reagisce il sindaco del capoluogo toscano. Lanciando un ultimatum ai sindacati: «Se hanno voglia di confrontarsi con noi sono i benvenuti, ma l’idea che Firenze sia in mano a dei sindacalisti a me ha già  divertito. Le aziende pubbliche le governiamo noi. Senza i sindacati». In pratica, la rottamazione dei sindacati che remano contro.
Non ha mai fatto mistero, il sindaco «rottamatore», della sua scarsa simpatia verso i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. Fin dalla sua elezione a Palazzo Vecchio, ormai due anni fa. Ma fu a gennaio scorso che fugò ogni dubbio: «Io sto con Marchionne, senza “se” e senza “ma”. Sto dalla parte di chi sta investendo nelle aziende quando le aziende chiudono», fu allora la frase-shock che contribuì ad aprire un solco nel corpo della sinistra. E la polemica del Primo maggio ha fatto il resto, spingendo molti dirigenti Pd ad interrogarsi su quale tipo di post-sinistra sia mai quella vagheggiata da Renzi.
A Firenze Camusso ha preferito evitare frecciate a Renzi, ma ha riaffermato le ragioni della festa dei lavoratori: «Ci sono giorni che sono nostra identità  e che non sono trasformabili, commerciabili», dice la leader Cgil. «Proponiamo ai francesi di aprire i negozi il giorno della Presa della Bastiglia: si mettono a ridere, non si mettono a discutere», aggiunge pure Camusso. E di nuovo Renzi: «Noi applichiamo una legge che si chiama Bersani, il segretario Cgil la prossima volta che vede Bersani glielo dica». Ma chissà , potrebbe essere l’ultimo scontro sul Primo maggio: il governatore toscano Enrico Rossi, contrario alla scelta di Renzi, annuncia una legge regionale per rendere obbligatoria la chiusura.

 


Related Articles

Campagna Abiti Puliti: chi cuce le nostre firme rischia la vita!

  Una donna sopravvissuta all’incendio della Tazreen Fashions – Foto: A. Biraj, Reuters

L’11 settembre scorso quasi 300 lavoratori sono morti nell’incendio della Ali Enterprises una fabbrica tessile a Karachi in Pakistan, che produceva jeans per l’Europa e gli Stati Uniti. Solo un mese prima l’impresa aveva ottenuto la “prestigiosa” SA8000 con la quale il gruppo italiano Rina “ha certificato la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori”. A due mesi dalla tragedia, mentre non si è fatta ancora luce sulla vicenda, a Dhaka in Bangladesh, più di 110 operai tessili hanno perso la vita nel rogo della loro fabbrica, la Tazreen Fashions, mentre cucivano magliette con Topolino e altri personaggi Disney, per il brand ENYCE di proprietà  di Puff Daddy e per una moltitudine di noti marchi internazionali.

Mps, verifiche su bilanci e consiglieri

Indagini sui conti 2009. I dubbi di Caltagirone sulla cedola da un centesimo

L’Italia al primo atto della tragedia greca

Gli eroi del bi-populismo gialloverde sono dunque riusciti nel miracolo al contrario: portare sul Paese una cappa da default

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment