“Nel Fondo salva-imprese stranieri e privati”

BUDAPEST – Il fondo strategico salva-imprese che nascerà  domani sotto l’ala della Cassa Depositi e Prestiti «sarà  aperto anche ai privati e gli stranieri», conferma il ministro dell’economia al termine del vertice Ecofin di Godollo, in Ungheria. Non ci sarà  invece nessun fondo per le banche che «sono solide». Ai partner Giulio Tremonti sottopone due nuove, scottanti questioni, due «cambiali» che andranno contabilizzate e valutate: il «debito atomico», così lo chiama, legato ai costi e ai rischi del nucleare che emergono dal disastro giapponese e pesano su tutti; «il debito geopolitico», connesso con i rivolgimenti in corso nel Nord Africa e il conseguente dramma dell’immigrazione. «Lampedusa è dappertutto», ammonisce. Nella conferenza stampa che si tiene in una saletta del Castello settecentesco, un tempo luogo di soggiorno della principessa Sissi, il ministro specifica che il nuovo fondo anti-scalate avrà  «una logica non protettiva ma espansiva». E la precisazione non è casuale visto che la Commissione, di fronte all’affare Parmalat-Lactalis, gli ha inviato una lettera formale per chiedere chiarimenti. Tremonti stesso, nelle pieghe del summit, ne ha discusso con il commissario Ue Michel Barnier e ora dice di «condividere» le sue preoccupazioni, cioè l’importanza di rispettare le regole comunitarie sul mercato e sulla concorrenza. Altri colloqui ci sono stati anche con la collega francese Christine Lagarde. Non chiarisce invece se davvero entreranno nell’operazione anche fondi sovrani cinesi e se l’ammontare sarà  di 20 miliardi: «Vedremo». E a chi gli fa notare come la normativa francese, su cui è modellata quella italiana, non contempli l’alimentare fra gli investimenti strategici, Tremonti replica: «Andate a vedere gli investimenti del loro fondo strategico e vedrete che c’è Danone», a suo tempo oggetto di attenzioni esterne. Maggiori dettagli comunque Tremonti li fornirà  in Parlamento il 12 aprile. Il ministro ci tiene a mantenere l’incontro-stampa circoscritto ai temi europei. Perciò, per cominciare: nessun fondo salva-banche perché quelle italiane sono sane e «non hanno avuto bisogno di aiuti»; ben vengano stress test e aumenti di capitale. Entro fine mese sarà  presentato a Bruxelles il piano nazionale di riforme (Pnr). Ricorda anche che nel «patto per l’euro» si ventila la possibilità  di tassare più i consumi che i redditi: «L’Italia sta riflettendo». Ma soprattutto fa sapere che proporrà  al Parlamento europeo di riflettere sulle due nuove «cambiali» che l’Europa rischia di pagare: quella atomica, appunto e quella dell’immigrazione che «non resta all’ufficio postale di Lampedusa ma arriverà  in Germania, Francia e in tutta Europa». Uno studio, con tabelle e grafici, è in preparazione. Nel ragionamento di Tremonti, anche su questi due fattori deve scattare la «solidarietà  e la responsabilità » che si è vista per il debito finanziario, dal momento che viviamo in un mondo globale e l’Europa vuole essere «il nostro comune destino». Per aiutare i paesi del nord Africa rilancia la cosiddetta “de-tax” destinando una parte dell’Iva, che è un’imposta europea, in loro sostegno. Per il nucleare, di fronte a centrali vecchie e rischiose, invita a tenere presente che «il costo attuale in bolletta è basso, ma quello complessivo è molto più alto e non è materia solo di contabilità  nazionale». Secondo Tremonti, «così come calcoliamo e proiettiamo il debito pensionistico», va impostata la questione del debito atomico. «Non vuol dire essere a favore o contro il nucleare» ma avviare una riflessione che «la politica deve fare».


Related Articles

In arrivo la riforma di Monti meno Irpef dalla lotta all’evasione forti tagli a sgravi e sprechi

A giorni la delega: 720 agevolazioni nel mirino, nuovo catasto   L’aumento dell’Iva scongiurabile riducendo gli aiuti tributari e ricorrendo alla “spending review”Nel 2011 incassati dai controlli circa 11 miliardi. Se si ripeteranno quest’anno, andranno a ridurre le tasseUna parte dei risparmi verrà  dallo sfoltimento dei 10 miliardi di sconti concessi dal fisco alle imprese 

Lotta o autogestione? Pratiche a confronto

Tra fabbriche recuperate e Fiat. Da Pomigliano alle Officine Zero. La proposta di un network dei media indipendenti

Azienda in crisi, licenzia i figli e poi si uccide

Nuoro, un altro imprenditore suicida. Già  25 casi dall’inizio dell’anno. La sua impresa edile era in gravi difficoltà . L’uomo, 55 anni, non ha lasciato biglietti per spiegare il suo gesto 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment