“Non basta il consenso dell’utente devono essere chiare le finalità “

ROMA – Addio privacy anche per gli automobilisti che usano il TomTom. «Indaga l’ufficio del Garante della privacy. Abbiamo aperto un’istruttoria per chiarire come si sono svolti i fatti e che uso si fa di questi dati. Vogliamo sapere se le informazioni vendute alla polizia olandese sono state raccolte soltanto da navigatori installati nelle auto o anche da smartphone», dice Francesco Pizzetti, presidente dell’Ufficio per la protezione dei dati personali. «Si vedrà  se ci sono cittadini italiani coinvolti». Dal navigatore in auto al telefono in tasca, i sistemi di geolocalizzazione schiudono un orizzonte su dati molto personali della gente comune. Che si fa? «Si affronta caso per caso. È un problema costante, che vale per tutte le apparecchiature che usano questi sistemi». TomTom pare si sia giustificata dicendo che era stata preliminarmente fornita agli utenti un’informativa sul trattamento dei dati personali. Sufficiente? «L’informativa non basta. Non è sufficiente indicare che i dati possono essere vendibili a terzi. Si dovrebbe sapere a chi e per quale utilizzo. Per esempio in questo caso le informazioni potrebbero essere state utilizzate per migliorare la circolazione, il traffico. Ma è opportuno verificare». Quali altri quesiti porrete a TomTom? «Se i dati sono stati acquisiti e/o ceduti in forma aggregata o individuale, a quali soggetti sono stati venduti, sembrerebbe ad una società  che poi li ha girati alla polizia. Con quali finalità ? E ancora è importante stabilire se l’utente, sia con navigatore che con smartphone, possa in qualunque momento interrompere la raccolta dati».


Related Articles

PIEDI PULITI. Torino, la procura e il mercato grigio

NULL (da La Repubblica, DOMENICA, 21 MAGGIO 2006, Pagina 1 – Prima Pagina) Torino, la procura e il mercato grigio

No Tav, la Cassazione smentisce la Procura

Giustizia. Le norme che prevedono l’attentato per finalità di terrorismo sono state erroneamente interpretate e mal applicate. Ora il processo in Assise potrà essere più sereno

Movimenti in piazza a Roma, tanti no che valgono un grande sì

Beni comuni. Oggi a Roma dalle 14 a piazza Esedra la manifestazione nazionale. Acqua pubblica, ambiente, stop biocidio, diritto a istruzione e casa, no grandi navi né grandi opere, per una svolta «dal basso e a sinistra»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment