“Parigi ha sbagliato a intromettersi gli ivoriani rifiutano ingerenze straniere”

«Ora che il presidente uscente Laurent Gbagbo è stato arrestato, il quesito più grande è se l’intervento francese in Costa d’Avorio diverrà  un inconveniente per Alassane Ouattara o meno». Invita a non cantare prematuramente vittoria Mike McGovern, professore associato di Antropologia presso l’Università  di Yale ed ex-direttore dei progetti per l’Africa occidentale dell’International Crisis Group. Nel libro di prossima uscita Making War in Cà´te d’Ivoire, esamina le ragioni dell’anomalo conflitto ivoriano che per anni è stato in una zona grigia tra guerra e pace. Oggi non ne vede ancora la fine. Professore, l’arresto di Gbagbo porrà  termine alle violenze? «La cattura di Gbagbo è sicuramente un fatto positivo, ma quel che farà  la differenza è come è stata compiuta. Benché sia stato smentito che a portarla a termine siano state le forze francesi, non sarebbe comunque stata possibile senza i raid notturni degli elicotteri francesi sulla residenza presidenziale». Quanto influirà  il ruolo francese sull’evolversi dello scenario? «Ouattara è stato più volte accusato di essere il candidato favorito dagli attori internazionali e in particolare dai francesi. È l’argomento tattico usato da Gbagbo dopo aver perso le elezioni, ma molti ivoriani ci credono, in particolare nel Sud del Paese. Se nel Nord Ouattara gode di un ampio sostegno, la popolazione del Sud è divisa». Teme quindi che Ouattara non sarà  in grado di unificare il Paese? Tra l’altro i suoi uomini sono stati accusati di avere ucciso centinaia di civili. «Non è impossibile, ma è difficile. La strategia di Gbagbo nelle ultime due settimane è stata assicurarsi che, se fosse stato deposto, Ouattara non sarebbe stato in grado di governare il Paese. Nei prossimi giorni vedremo se c’è riuscito. A mio parere sarebbe stato preferibile che a intervenire fossero stati solo gli elicotteri delle Nazioni Unite. La percezione è che la Francia abbia preso le parti di un attore del conflitto e che abbia giocato un ruolo fin troppo attivo». Se non l’arresto di Gbagbo, allora cosa può porre fine al conflitto? «Con la cattura di Gbagbo è probabile che i suoi sostenitori deporranno le armi. Temo però lo scenario peggiore: che i massacri possano continuare nei dintorni di Abidjan e ancor più nelle zone rurali occidentali perché i combattenti di entrambe le parti pensano che questa sia la loro ultima occasione di vendicarsi dei rivali».


Related Articles

Tensione e scontri, voli russi, manovre Nato in Polonia

Non accenna a dimi­nuire l’allerta Nato per il traf­fico aereo mili­tare russo «ai con­fini dell’Alleanza atlan­tica»

BENVENUTI AL SUD. PERCHà‰ IL MEDITERRANEO PUà’ SALVARE L’EUROPA

Dall’energia al turismo, la proposta del politologo tedesco per un’Unione dei Paesi più “deboli”

Siria senza pace. A Idlib 21 uccisi nei raid e 350mila in fuga

Mai entrato in vigore il cessate il fuoco annunciato domenica da Russia e Turchia, Damasco bombarda la provincia siriana controllata dai jihadisti. Centinaia di migliaia di sfollati verso il confine turco, al freddo e senza aiuti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment