Blitz in Pakistan, ucciso Bin Laden «Giustizia è fatta», l’America è in festa

MILANO – «Osama Bin Laden è stato ucciso. Giustizia è fatta». L’annuncio del presidente americano Barack Obama in diretta tv, quando in Italia erano quasi le 5 del mattino, scuote gli Stati Uniti e rimbalza nei cinque continenti. Il ricercato numero uno al mondo, il simbolo del terrore, l’uomo che ha incarnato il Male a partire dalla terribile strage del settembre di 10 anni fa a New York, è morto. Negli Stati Uniti le parole di Obama hanno un effetto immediato: la gente si riversa per strada nel cuore della notte. E festeggia. Il coro «Usa, Usa», l’inno nazionale cantato a squarciagola, le bandiere a stelle e strisce che sventolano, le urla di gioia. L’America, dopo dieci anni, ritrova orgoglio e vigore con una notizia che segna una vittoria che forse nessuno più attendeva dopo la lunga e fino ad oggi infruttuosa caccia al terrorista-simbolo che sembrava inafferrabile. Sfuggito alla cattura sulle montagne di Tora Bora, nei mesi immediatamente seguenti l’11 settembre, Bin Laden aveva continuato a guidare la rete terroristica cambiando diversi nascondigli e facendosi sentire periodicamente con messaggi in video o in audio. Ma tutto questo ora appartiene al passato. Le manifestazioni di giubilo nelle principali città  americane sono andate avanti tutta la notte: Times Square e Ground Zero a New York e il mall davanti alla Casa Bianca a Washington i luoghi simbolo di questa celebration night che diventerà  inevitabilmente il contrappunto dei pianti e dell’America in ginocchio dopo il crollo delle Torri Gemelle.

 L’uccisione di Bin Laden IL BLITZ – È stato ucciso con un colpo di arma da fuoco alla testa. Osama Bin Laden è stato «terminato» – questo il temine utilizzato per comunicare l’uccisione del capo di Al Qaeda. Nel corso del blitz di un commando americano, pianificato negli ultimi due mesi, condotto contro quella che era diventata la residenza segreta del leader terrorista, un condominio fortificato a circa 70 chilometri a nord di Islamabad. Con lui sono state uccise altre quattro persone. Fonti del Pentagono riferiscono che le forze speciali che hanno effettuato l’operazione avevano provato più volte il piano di attacco per evitare vittime tra civili innocenti. Uno dei quattro elicotteri che hanno preso parte all’operazione contro il compound di Bin Laden, secondo fonti ufficiali coperte da anonimato, si sarebbe schiantato dopo essere stato raggiunto da colpi d’arma da fuoco esplosi da terra, anche se viene specificato che non ci sono state vittime. La fonte ha aggiunto che durante il raid donne e bambini sono stati presi in custodia.

 

IL GIALLO DEL CADAVERE – Il corpo di Bin Laden, è stato annunciato, è «in custodia» alle forze militari statunitensi, anche se un funzionario americano ha parlato di una sepoltura in mare già  effettuata nel rispetto dei dettami della religione islamica. Diversi siti mettono in dubbi l’autenticità  dell’immagine del corpo tumefatto di Bin Laden diffusa dalla tv pakistana e anche il sito peacereporter.org parla di un «falso clamoroso» sostenendo che si tratti in realtà  di una vecchia fotografia ritoccata con un programma di fotoediting e circolata già  nel settembre del 2006.

IL RUOLO DEL PAKISTAN – Un’altra circostanza oscura è quella sul ruolo dell’intelligence pachistana. L’operazione, secondo quanto inizialmente annunciato, si sarebbe svolta in collaborazione con l’anti-terrorismo pakistano, anche se le autorità  di Isalamabad hanno smentito la circostanza. E anche da fonti Usa è arrivata una ricostruzione differente, secondo cui il Pakistan non sarebbe stato preventivamente informato del blitz, segno questo di una mancanza di fiducia negli alleati da parte della Casa Bianca. Il ministero degli Esteri pakistano ha confermato la notizia della morte di Bin Laden e ha precisato che «il blitz è stato condotto direttamente dagli Stati Uniti in territorio pakistano».

«Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta» «Giustizia è fatta»

IL COMPOUND BLINDATO – L’operazione è avvenuta a Abbottabad, una città  a soli 75 chilometri dalla capitale Islamabad, e Bin Laden si trovava secondo gli esperti dei servizi della rete americana, in un compound di alta sicurezza, circondato da una recinzione e protetto da una doppia cancellata. Il blitz sarebbe stato preparato da cinque riunioni fra il presidente Obama e i servizi segreti in questi ultimi mesi. Abbottabad come Islamabad si trova a qualche ora di strada da alcune delle zone tribali della Frontiera del Nord Ovest, la zona tribale al confine con il Pakistan che è sempre stata considerata il rifugio di Osama Bin Laden.

 

L’annuncio di Obama L’ANNUNCIO DI OBAMA – «Questa sera sono in grado di annunciare agli americani e al mondo che gli Stati Uniti hanno condotto un’operazione che ha ucciso Osama Bin Laden, il leader di Al Qaeda». Così Obama ha raccontato il blitz comunicando la morte di Bin Laden alla nazione: «Molti mesi fa sono stato informato che avevamo indizi circa la possibile posizione di Bin Laden. Ho incontrato molte volte i miei consulenti dei servizi segreti. Finalmente la settimana scorsa ho deciso che avevamo sufficienti informazioni per agire. Oggi per mio ordine gli Stati Uniti hanno lanciato un’operazione contro quel compound. Una piccola unità  di agenti americani ha agito con grande coraggio, facendo attenzione a evitare vittime civili. Dopo uno scontro a fuoco, hanno ucciso Osama Bin Laden e hanno in custodia il suo corpo». E ha aggiunto: «Come Paese, non tollereremo mai minacce alla nostra sicurezza».

 

La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo La notizia sui siti di tutto il mondo

ALLERTA AMBASCIATE – Il governo americano ha poi messo in stato di allerta tutte le sue ambasciate e rappresentanze diplomatiche nel mondo per timore di rappresaglie. In un comunicato del Dipartimento di Stato si esortano inoltre i cittadini americani, soprattutto in quelle zone del mondo dove vi sono maggiori tensioni, ad evitare i luoghi in cui vi sono affollamenti di gente e manifestazioni per «l’imprevedibilità¡ ed insicurezza dell’attuale situazione»


Related Articles

Pollari e gli altri, tutti assolti per «segreto di Stato»

Caso Abu Omar. Colpo di spugna della Cassazione sul caso dell’imam rapito a Milano e torturato in Egitto. Secondo i giudici i vertici del Sismi non potevano essere indagati

La svolta di Tony Blair sull’Iraq “Io e Bush abbiamo sbagliato”

L’ex premier britannico, intervistato dalla Cnn, ammette una serie di errori. Dai dossier sulle armi di distruzioni di massa al diffondersi del terrorismo islamico

Gaza, bimba palestinese e sua madre uccise da bombe israeliane

I bombardamenti israeliani hanno fatto sette morti in 24 ore tra i palestinesi. I 150 razzi lanciati da Gaza hanno ferito due israeliani. Il cessate il fuoco ieri sera appariva lontano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment