Caritas, al via il convegno del Coordinamento nazionale immigrazione

ROMA – “Un mare di sbarchi, un paese che accoglie”. Questo il titolo del convegno del  Coordinamento nazionale immigrazione 2011 che vedrà  tra circa un’ora a Modica, in Sicilia, 80 delegati provenienti da una cinquantina di diocesi italiane confrontarsi sull’emergenza sbarchi, sullo stato dell’accoglienza e sul quadro dell’immigrazione in Italia. L’evento è promosso da Caritas italiana insieme alle Caritas diocesane di Noto e di Ragusa. “A quattro mesi dall’inizio dell’emergenza sbarchi – spiega Oliviero Forti, responsabile immigrazione di Caritas italiana – ci incontriamo per fare il punto sul tema degli sbarchi, su come sta avvenendo l’accoglienza sul territorio e lo faremo attraverso il contributo degli esperti. Ragioneremo anche su temi legati alla cittadinanza. Tenteremo in questi tre giorni di sviscerare un po’ tutte le grandi questioni che riguardano l’immigrazione nel nostro paese”. Tra gli interventi previsti, quello d’apertura di Fabrizio Maronta della rivista Limes, e di Barbara Molinario dell’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati, a cui si aggiungerà  la voce del comandante della Capitaneria di Porto di Pozzallo Raffaele Giardina e la testimonianza di Gabriele Del Grande, di Fortress Europe. Ad aprire i lavori di giovedì 12, don Stefano Nastasi, parroco di Lampedusa, mentre nel pomeriggio interverrà  Giovanni Tarzia, giudice onorario presso il Tribunale per i Minorenni di Milano. Venerdì 13 le conclusioni dei lavori.

“Arriviamo a questo appuntamento con grande fatica rispetto agli altri anni – ha aggiunto Forti -. Molti non sono potuti intervenire perché impegnati nell’accoglienza dei richiedenti asilo. Da qualche mese abbiamo un peso sulle spalle e per questo è essenziale fare il punto della situazione. Vista la diffusione del fenomeno rischiavamo di disperderci invece in questo modo cogliamo l’occasione per ragionarci sopra”. Una verifica periodica, quindi, ma anche una fucina di idee e proposte. “Il primo obiettivo è quello di capire cosa sta avvenendo sui territori – conclude Forti -. Ma l’incontro è anche un’occasione per promuovere l’accoglienza e per discutere sui ruoli tra tutti i protagonisti che si sono attivati rispetto rispetto ai quali non c’è ancora chiarezza. Dal confronto di questi giorni potranno emergere delle linee che potremmo presentare alle istituzioni, alla Protezione civile nazionale, alla Conferenza delle regioni o al governo, proprio perché siamo stati pesantemente coinvolti sul tema dell’accoglienza”.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Il governo: l’Europa cambi passo sui migranti

Altre ottanta persone sono approdate ieri sulle coste della Calabria

«Il Comune toglie le panchine per non far sedere gli immigrati»

  Il muro dal quale è stata rimossa la panchina

TERNO D’ISOLA.I gruppi di minoranza protestano contro la rimozione di due panchine in piazza Sette martiri. «Le Guardie padane hanno parlato della presenza di immigrati come di un problema». Il sindaco: polemica strumentale, l’unico problema è che da lì non si riesce a passare

Profughi, la Slovenia chiude le frontiere

Incontro a Venezia tra Renzi e Hollande: “Uno sforzo per risolvere la crisi”. L’Onu attacca l’accordo Ue -Turchia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment