Ecco perché si può invertire la rotta

Chi ha preso parte direttamente alla campagna elettorale ha sottolineato un aspetto importante e per certi versi nuovo rispetto al passato più recente: la maggiore presenza, nei dibattiti e nelle diverse iniziative della campagna elettorale, di giovani; la loro partecipazione non si è limitata al ruolo di spettatori, esprimeva un’esigenza più profonda, quella di essere coinvolti e condividere le scelte che riguardano il futuro della città . È probabile che la maggiore partecipazione sia stata favorita dalla giovane età  del candidato del centrosinistra e che l’aspetto anagrafico abbia avuto un effetto propulsivo sulla presenza giovanile.
Non possiamo però considerare esaustiva questa motivazione. Così come non possiamo attribuire le ragioni della sconfitta del centrodestra agli errori commessi da Berlusconi nel corso della campagna elettorale o alla conflittualità  della coalizione governativa. Negli ultimi anni in Sardegna c’è stata una mobilitazione continua di migliaia di lavoratori dell’industria, del settore agro-pastorale, del commercio, degli insegnanti e degli studenti. I temi del diritto al lavoro, del diritto allo studio, della lotta al precariato sono stati al centro di questa mobilitazione. La protesta ha mostrato a tutti le dimensioni reali della crisi: la disoccupazione crescente, l’impoverimento, il progressivo ridimensionamento del ruolo sociale delle istituzioni. Cagliari è stata in buona parte teatro di questa protesta: l’ha subita direttamente come vittima della crisi che ha colpito la società  sarda e al tempo stesso ha agito da cassa di risonanza, presentandola in tutta l’isola e nelle sedi del potere; qui spesso i lavoratori, anziché trovare interlocutori capaci di ascoltare e accogliere le richieste per affrontare la crisi, hanno subito la violenza delle istituzioni.
Ma non è solo sui temi del lavoro che sono cresciuti prima il malessere e poi la protesta del popolo sardo. In questi anni si è estesa la contestazione sul degrado ambientale provocato dalla presenza delle basi militari e dalle attività  che si svolgono al loro interno. È da questo malessere che si è concretizzata la decisione di condurre una lotta contro l’installazione delle centrali nucleari nell’isola. L’impegno per il rifiuto del nucleare ha portato al referendum consultivo, il cui esito è emblematico. Ed è innegabile che l’insieme delle lotte condotte su questi temi abbiano avuto dei riflessi sul voto delle amministrative a Cagliari. Allo stesso modo non credo che abbia giovato a Massimo Fantola l’inadeguatezza mostrata dalla giunta Floris e da tutto lo schieramento che oggi sostiene il candidato del centrodestra nella gestione delle aree di Tuvixeddu e dell’Anfiteatro. Essere amici degli speculatori edilizi non è una condizione che garantisce di per sé la conservazione del potere; a volte nell’amministrazione dei beni comuni capita che prevalga l’interesse pubblico, specie quando i cittadini si impegnano con determinazione per imporne il rispetto. E per Tuvixeddu le cose sono andate proprio così.


Related Articles

Primarie, a Palermo la Borsellino non sfonda

Sorpresa Ferrandelli. Boom di votanti, in 30 mila alle primarie del centrosinistra   Faraone, il candidato di Renzi, al terzo posto

Il via libera di Renzi a Chiamparino: sono entusiasta della sua candidatura

ROMA — «A me Chiamparino va benissimo… Dirò di più, sono entusiasta della sua candidatura»: è questa la risposta di Matteo Renzi a chi gli chiede che cosa pensi del fatto che l’ex sindaco di Torino si sia detto disponibile a correre per la segreteria del Partito democratico.

Mogli, figli e amici di partito

 Il fascicolo chiesto da Cota sullo staff della sua giunta

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment