Lampedusa: barcone contro scogli, 500 migranti in mare, salvati

LAMPEDUSA – Tragedia sfiorata, oggi all’alba, a Lampedusa: un barcone con 500 persone a bordo – l’ennesimo partito dalla Libia – è finito fuori rotta e si è incagliato sugli scogli all’interno del porto, a una decina di metri dalla riva rischiando di capovolgersi a causa delle onde. Le persone si sono gettate in mare e si sono salvate grazie alla catena umana alla quale hanno partecipato tutti, forze dell’ordine, volontari e cittadini. I fatti si sono verificati alle 4.10, poco dopo che sull’isola era giunta un’altra imbarcazione stracarica di 800 migranti: 800, tra cui 138 donne e 12 bambini. Le operazioni di conta e di prima assistenza erano ancora in corso quando, lì vicino, si sono sentite le urla degli altri immigrati.

Il timone della loro imbarcazione si è rotto e la carretta é finita sugli scogli. A questo punto i migranti che erano a bordo (anche in questo caso molte le donne, anche incinte, e i bambini) si sono lanciati in mare per la paura, cominciando ad annaspare perché quasi nessuno sapeva nuotare. Immediatamente sono scattati i soccorsi: una squadra di sommozzatori della Guardia Costiera è subito intervenuta con i salvagente, cominciando a recuperare i naufraghi che venivano poi passati alle persone che si trovavano sulla scogliera. Un’operazione che è andata avanti per circa un’ora e mezza, fino a quando tutti gli immigrati non hanno raggiunto la riva. “E’ stata una bella operazione di squadra – ha commentato il comandante della capitaneria di porto di Lampedusa, Antonio Morana -. Ai soccorsi hanno partecipato militari della Guardia Costiera, della Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia, volontari delle associazioni umanitarie, semplici cittadini e perfino alcuni giornalisti. Grazie all’apporto di tutti è stata evitata una tragedia”.

I circa 500 migranti a bordo sarebbero stati tutti salvati: allo stato, infatti, non risultano né vittime né dispersi. Anche questo barcone, al pari degli altri giunti a Lampedusa nelle ultime ore, è partito dalla Libia. Avvistato già  ieri pomeriggio, sembrava fosse diretto a Malta ma una vedetta maltese lo avrebbe intercettato e ‘accompagnato’ verso Lampedusa, dove è stato preso in consegna da una unità  della Gdf. Sulla barca sono riusciti a salire anche tre finanzieri: “stavano dirigendo verso l’imboccatura del porto – spiegano le Fiamme Gialle – quando il timone si è improvvisamente rotto impedendogli di virare verso sinistra”. Il barcone si è così incagliato e “solo grazie alla perizia dei finanzieri che hanno mantenuto la marcia ingranata la barca non è stata ripetutamene sbattuta sugli scogli”. Di immigrazione è tornato a parlare oggi il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, sottolineando che “gli ultimi sbarchi a Lampedusa, oltre 1.500, sono tutti profughi non rimpatriabili, partiti dalla Libia a causa della guerra. Il flusso di clandestini dalla Tunisia – ha aggiunto il ministro – si è invece praticamente fermato, grazie all’accordo da me firmato il 5 aprile con il governo di Tunisi”.

DA ISOLANI CIBO E VESTITI PER I NAUFRAGHI – Dopo il terrore per la tragedia sfiorata, c’é quasi un clima di festa a Lampedusa, dove i naufraghi sono stati trasferiti in alcune strutture dell’isola: alla stazione marittima ci sono prevalentemente donne e bambini, mentre gli uomini sono stati accompagnati nei locali dell’Area marina protetta. Sulla banchina del molo commerciale, gruppi di donne isolane portano vestiti e viveri, mentre alcuni ragazzi del luogo giocano con i bambini trasportandoli sui motorini e azionando i clacson. Tra i profughi, c’é chi racconta di essere stato costretto a fuggire a causa della guerra. Due pakistani spiegano che vivevano in Libia da sette anni e avevano un buon lavoro, “ma le bombe ci hanno costretti a fuggire – dicono -. In questo momento la situazione della Libia non lascia scelta”. Un po’ tutti concordano sul fatto che migliaia di persone sono pronte a partire.

NAPOLITANO, AMMIRAZIONE PER CHI HA SALVATO PROFUGHI – ”Desidero esprimere sincera ammirazione per le forze dell’ordine e i volontari che hanno salvato centinaia di profughi africani – uomini, donne e bambini – giunti in condizioni disperate nei pressi di Lampedusa. Partono dalla Libia in questi giorni imbarcazioni al pericolo del naufragio e della morte, per iniziativa di trafficanti criminali senza scrupoli e nella complicita’ di autorta’ irresponsabili. L’Italia sta dando prova di solidarieta’ e spirito di accoglienza; tocca all’Europa fare la sua parte e operare perche’ la Libia si dia un governo consapevole delle sue responsabilita’ ”. Lo dice il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano in una dichiarazione


Related Articles

Caso kazako, la Farnesina si difende «Non decidiamo noi le espulsioni»

Alfano riferirà alle Camere giovedì i risultati dell’inchiesta interna al Viminale

Una lotta comune contro i governi, migranti e nativi hanno interessi che coincidono

Nella marcia degli honduregni verso gli Stati Uniti è difficile non riconoscere il Quarto stato di Pelizza da Volpedo

Picchiarono a morte un clochard, chiesti 12 anni per i due agenti Polfer

I fatti in stazione centrale il 6 settembre 2008
Il pm ha derubricato il reato da omicidio volontario a preterintenzionale. Non convince la ricostruzione

MILANO – Non omicidio volontario, ma preterintenzionale. Insomma, quando l’hanno picchiato non volevano ucciderlo, ma soltanto «dargli una lezione».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment