L’ascesa e la caduta di un leader

Né la Francia, né la sinistra francese, né l’euro avevano bisogno di fronteggiare una situazione così imbarazzante. Non è la credibilità  dell’istituzione internazionale ad essere in discussione, ma è difficile non preoccuparsi quando chi è chiamato a decisioni importanti, che coinvolgono monete, economie, destini di interi Paesi, risulterebbe — salvo doverosa presunzione di innocenza — persona incapace di controllare i propri istinti. È un fatto che ieri DSK, anziché stare in un carcere americano, avrebbe dovuto parlare con Angela Merkel dei debiti del Portogallo e della Grecia.
 In Francia, risalgono le quotazioni del presidente Sarkozy che vede uscire di scena il suo sfidante più temibile. Le primarie della gauche saranno ancora più complicate dall’insorgere di nuove ambizioni e rivalità , anche se prende corpo la candidatura di un outsider, l’ex segretario socialista Franà§ois Hollande, il quale ha dalla sua una certa presa sulla base del partito socialista. Al di là  del tornaconto politico, nessuno in Francia, nemmeno avversari e rivali interni, potrebbe gioire di una vicenda che, come logicamente avviene nell’universo mediatico, può fare danni al Paese intero. Dominique Strauss-Kahn occupava una poltrona frutto di candidatura bipartisan, con la benedizione del presidente Sarkozy. È— sarebbe il caso di scrivere «era» — una delle personalità  più apprezzate, in patria e all’estero, per la competenza economica, sorretta da raffinata cultura umanistica e lucida visione politica, messe al servizio di un moderno progetto riformista per tutta la sinistra. I suoi libri hanno suscitato riflessioni non solo in Francia. Strauss-Kahn era anche riuscito a far dimenticare all’opinione pubblica di essere stato l’ideatore della legge sulla riduzione dell’orario di lavoro a 35 ore, riforma storicamente attribuita a Martine Aubry. Gli restava da conquistare la sinistra più tradizionale, che non gli ha mai perdonato i lussi e qualche ostentazione di troppo, come l’ultima passeggiata per Parigi a bordo di una Porsche. Ma anche la sinistra ortodossa ne apprezzava intelligenza e competenza, sfoderate nella carriera universitaria e le capacità  amministrative, sperimentate nella municipalità  di Sarcelles, complicato centro multietnico alla periferia di Parigi. Quanto a scandali e pettegolezzi sulle presunte ossessioni sessuali, DSK era riuscito a convertirli in una simpatica fama di seduttore e marito infedele, con moglie aperta, informata e complice. E su questo capitolo erano già  pronte le biografie, come quella, già  in libreria, che gli riconosce il merito di «non dissimulare» gusti e comportamenti. Ma l’assalto di un potente a una cameriera evoca un diritto medievale o un bottino di guerre tribali più che capricci libertari. E spazza via la sostenibile separatezza fra pubblico e privato.


Related Articles

No allo «spionaggio» sul lavoro

Consiglio D’Europa. Paletti sull’uso di tecnologie per il controllo a distanza dei dipendenti. Una raccomandazione in difesa della privacy che può essere usata nei tribunali. E una bocciatura del Jobs Act

Turchia, il velo e i blue jeans

Erdogan, a Istanbul si affiancano distinti modi di vita: quello della borghesia e quello di chi ha tratto profitto dal miracolo economico targato Akp. Mondi spesso avversi che si sono ritrovati durante le proteste: che ha radici nella repubblica laica di Ataturk
INSIEME PER DIRE NO ALL’AUTORITARISMO DEL PRIMO MINISTRO L’AVVENTO AL POTERE DEL PARTITO ISLAMICO-CONSERVATORE

La Farnesina ci scrive: «pieno impegno»

IL TESORO DI BENGASI
 Il tesoro di Bengasi sembra aver mobilitato il ministero degli esteri italiano, dopo la pagina apparsa sul nostro giornale in data 05/08/11.
L’articolo riferiva della sparizione di buona parte del tesoro: due delle tre casse contenenti 8000 monete d’oro e d’argento provenienti dall’antica Cirene e custodite dalla Banca commerciale nazionale di Bengasi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment