Libia, Mosca si schiera con l’Occidente

DEAUVILLE – La Russia abbandona Gheddafi al suo destino, si schiera sulla linea degli occidentali e dice al colonnello che deve abbandonare il potere. In cambio, Mosca ottiene un avvertimento generico nei confronti della Siria. È questa la sorpresa finale del G8 di Deauville: un mediatore russo arriverà  nelle prossime ore a Bengasi nel tentativo di mettere fine al conflitto. Nicolas Sarkozy è stato esplicito: «Non ci sono mediazioni possibili con Gheddafi. I soldati devono rientrare nelle caserme e lui deve andarsene. Si possono discutere le modalità  della partenza». Poco dopo, Dmitri Medvedev non ha detto cose molto diverse: «Il mondo non lo considera più come il leader libico». E il presidente russo ha sottoscritto la dichiarazione finale del G8, in cui è scritto che il dittatore «non ha nessun futuro in una Libia libera e democratica. Deve andarsene». Medvedev ha inviato a Bengasi Michail Margelov, rappresentante russo per l’Africa.

Sarkozy ha elogiato il presidente russo («abbiamo bisogno del suo aiuto»), ma non ha fatto cenno alla contropartita: la moderazione contro il regime siriano. Certo, la dichiarazione chiede la fine del ricorso alla forza e minaccia «altre misure», peraltro non specificate, ma non è particolarmente intransigente. E Medvedev si è limitato a invitare Assad ad avviare le riforme. Mosca, tuttavia, non vuol neanche sentir parlare della risoluzione Onu contro Damasco: l’Africa del Nord e il Medio Oriente sono due cose diverse, dice il vice-ministro degli esteri, Sergei Ryabkov. Secondo i diplomatici occidentali, Mosca avrebbe accettato di mollare Gheddafi per rientrare nei giochi della diplomazia internazionale.

 


Related Articles

Cina, il futuro leader

  Ritratto di Xi Jinping, che dal 2012 succederà  a Hu Jintao

Il vicepresidente cinese Xi Jinping è stato eletto nella commissione militare del Partito comunista, durante i lavori del comitato centrale. In base al tradizionale e incrociato accumulo di cariche tra Partito e Stato, tutto lascia intendere che sarà  lui il leader della Cina dal 2012, quando Hu Jintao passerà  la mano.
Oltre ad occupare la carica militare, il cinquantasettenne Xi (è del 1953) è infatti vicepresidente della Repubblica Popolare, e primo segretario del Partito comunista.
E’ inoltre sesto nella gerarchia del “Comitato permanente dell’Ufficio politico del Pcc” la cerchia ristretta di nove membri che è di fatto la vera stanza dei bottoni di Pechino.

Usa, la controrivoluzione della Sanità 

I giudici all’attacco della riforma Obama: “Incostituzionale”. Primo stop in Virginia.   Venti Stati si sono rivolti alla magistratura per affossare la nuova legge, lo scontro finirà  alla Corte Suprema 

LA CRISI DEGLI EUROCRATI

L’amaro paradosso è che questa élite europea non è affatto tecnocratica

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment