Tremila profughi da Lampedusa verso il Nord

LAMPEDUSA – L’isola si è svuotata e la furia del mare e del vento che scarica sabbia africana promette un’altra tregua negli arrivi. I quasi tremila immigrati arrivati nel fine settimana hanno già  lasciato Lampedusa a bordo di due navi e adesso tocca alle regioni, soprattutto quelle del Centro e Nord Italia, aprire le porte ai profughi subsahariani fuggiti dalla Libia. I nuovi arrivati vanno nei centri richiedenti asilo di Mineo, Caltanissetta, Pozzallo, Bari e Crotone nei posti lasciati liberi da chi, arrivato nelle scorse settimane, avrà  ora una destinazione definitiva nei luoghi e nelle strutture messi a disposizione dalle Regioni secondo il piano di ripartizione concordato nelle scorse settimane con il ministro dell’Interno Maroni. Il capo della Protezione civile Franco Gabrielli oggi darà  il via all’operazione trasferimenti che coinvolgerà  complessivamente 3.000 persone. «Dai vari Cara – spiega Gabrielli – partiranno circa 1.500 persone per le varie regioni italiane e nel frattempo a prendere il loro posto arriveranno altri. Da Lampedusa sono già  partiti domenica altrettanti migranti con la nave Flaminia e ancora altri 1.500 ieri sera con la Moby Vincent. Per questi 3.000 ci sarà  dunque un passaggio per verificare le loro condizioni prima di trasferirli nelle varie Regioni». Questa volta si comincia dal Nord: le destinazioni previste per i profughi che lasceranno i centri di accoglienza per i richiedenti asilo sono in Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana. Qualche centinaio di profughi saranno smistati anche in strutture di Marche, Puglia, Calabria, Campania e in provincia di Roma. Distribuzione che – assicura il commissario per l’emergenza – avverrà  tenendo conto della dignità  delle persone. «Non trattiamo pacchi, ma persone, quindi collaboriamo con le organizzazioni umanitarie per organizzare i trasferimenti nel migliore dei modi». Rassicurazioni che Gabrielli intende dare a quanti, nelle scorse settimane, hanno criticato aspramente il piano del governo nella parte che avrebbe implicato lo sradicamento dei richiedenti asilo già  inseriti in contesti di accoglienza. «Abbiamo già  contattato l’agenzia dell’Onu per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale migranti, perché i rifugiati sono persone con criticità  psicologiche, proprio perché provenienti da territori in guerra, come l’Africa subsahariana. Per questo collaboriamo con chi di questi problemi si occupa ordinariamente, nell’ottica dell’emergenza, certo, ma anche di creare meccanismi di accoglienza degni appunto di persone e non di pacchi». A Lampedusa, dopo l’ultimo assalto, rimangono solo una settantina di tunisini che da oggi dovrebbero cominciati ad essere rimpatriati e circa 180 richiedenti asilo. Ma il ministro dell’Interno Maroni non si fa illusioni. La consapevolezza che barconi stracarichi di migranti riprenderanno ad apparire all’orizzonte non appena il mare si sarà  calmato è diffusa. Per questo Maroni ha annunciato che porterà  al Consiglio dei Ministri un provvedimento urgente per ripristinare la possibilità  di espulsione diretta dei clandestini, dopo la sentenza della Corte di Giustizia europea sul reato di immigrazione clandestina.


Related Articles

Calais: l’evacuazione continua

I bulldozer in azione. Il governo accusa i No border per le violenze della vigilia. Il Consiglio d’Europa inquieto sulla “crescita dell’odio” in Francia

La Svezia prepara 80 mila rimpatri Naufragio nell’Egeo: 10 bambini morti

Le espulsioni dei profughi con voli speciali. L’Olanda propone di rimandarli in Turchia sui traghetti

Libia. Strage di migranti nella prigione di Tajoura sulla linea del fronte

A Tajoura, periferia ovest di Tripoli, un raid notturno di Haftar colpisce un centro dove le milizie arruolano a forza i detenuti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment