Un voto pesante

Pesante, come nota Stefano Folli sul Sole 24 Ore di ieri, è la tentazione dell’astensione: la politica comincia a fare un po’ schifo, c’è un malessere diffuso, tuttavia queste elezioni ci sono e avranno un peso. E potrebbero aprire una via a una sinistra ancora restia a scendere in campo. Il confronto è, come sempre, tra Berlusconi e il centro sinistra. Berlusconi con il suo solito stile è andato a Napoli promettendo il non abbattimento delle case abusive e a Milano, dove è capolista, per confermare (anche alla Lega) il suo potere sul ricco Nord Italia. Perdere Milano sarebbe per lui catastrofico e pericoloso assai sarebbe anche andare al ballottaggio. La mancata vittoria al primo turno darebbe spazio a iniziative della Lega chemal sopporta di essere associata al carro berlusconiano, come ha ampiamente dimostrato una campagna elettorale spesso giocata dentro le divisioni del centrodestra. Il centro sinistra pensa, spera, di vincere a Torino e Bologna ma non può sottovalutare la partita di Napoli e, soprattutto, di Milano. A Napoli il Cavaliere ha promesso la sospensione della demolizione delle costruzioni abusive che nel territorio campano sono decine di migliaia. Quindi spera di avere voti, ma a Napoli sono molti anche quelli che non hanno fatto costruzioni abusive e, anzi, soffrono della loro presenza. Si vedrà  se ancora una volta la corruzione vincerà  sulla legalità . Può accedere, dopo anni di pratiche berlusconiane. A Bologna e Torino dovrebbe farcela la sinistra: una sconfitta sarebbe disastrosa e di portata nazionale. Non dovrebbe accadere. Centrale resta Milano, dove Pisapia (non Pd) sta portando avanti una campagna elettorale seria e probabilmente fruttuosa. Se aMilano – come è probabile – si arrivasse al ballottaggio, per Berlusconi sarebbe una pesante sconfitta e la Lega riaffermerebbe una sua indipendenza. Sarebbe una sconfitta clamorosa del Cavaliere nel suo (supposto) regno. Una sconfitta strategica, che metterebbe in dubbio la più che quindicennale supremazia del Cavaliere nelle cose d’Italia. Domani sera avremo i risultati. E’ possibile che si apra una nuova fase nella storia del nostro paese. Il tramonto del Cavaliere e l’inizio di una nuova politica. Speriamo. Il voto di oggi e domani peserà  seriamente sul nostro che fare e sul nostro avvenire. Con il voto sbagliato di un giorno non pregiudichiamo il nostro futuro.


Related Articles

L’ELOGIO DEL BUON PARTITO

“FA STRANO” il percorso scelto da Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi per promuovere la propria candidatura alle primarie del Pd. Pier Luigi Bersani. Ieri è partito da Bettola, il paese natale. Più precisamente, dal distributore del padre. Matteo Renzi ha avviato il suo viaggio a Verona. E ha proseguito in camper. Attraverso
la penisola.

La trasparenza va al potere

Finalmente un nuovo stile nei rapporti tra i partiti, finalmente una novità  che svecchia la politica italiana: il vertice segreto di maggioranza.

Renzi e il timore di non controllare i parlamentari I dubbi sui veri obiettivi del Cavaliere

ROMA — Matteo Renzi non si fida. Non di Alfano e tanto meno di Berlusconi. «Tutti e due — è il convincimento del segretario del Pd — stanno utilizzando la legge elettorale per fare i loro giochi rispetto al governo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment