Adesso voltiamo pagina

È una svolta di grande rilievo e portata, perché implica in realtà  un diverso modello di sviluppo, fondato sul risparmio energetico e sulla “green economy”. Un’energia pulita, insomma, per un futuro sostenibile. Un risparmio che significa anche maggiore efficienza, più ricerca e tecnologia.
Ma sarebbe riduttivo definirla una vittoria della paura: la paura dell’apocalisse, del disastro atomico, di un’altra Fukushima. È dal 1987, infatti, che gli italiani si sono pronunciati contro il nucleare. E anche recentemente avevano confermato questa diffusa ostilità , com’è avvenuto – per esempio – nel referendum consultivo della Sardegna, dove i no hanno raggiunto addirittura il 97%.
Il fatto è – per riprendere l’autorevole tesi del Premio Nobel per la Fisica, Carlo Rubbia – che oggi l’energia nucleare è ancora troppo cara e insicura. E anche al di là  della convenienza economica, su cui pure insistono molti dubbi e riserve, non c’è progresso senza sicurezza per la salute e la sopravvivenza del genere umano. Questa è una priorità  obbligata.
Ora si tratta, però, di difendere il verdetto del referendum. Cioè di evitare che, com’è accaduto purtroppo tante volte in passato, il risultato venga vanificato dagli espedienti o dagli artifici della politica. Noi italiani non dobbiamo aspettare una catastrofe atomica per chiudere definitivamente le centrali nucleari.


Related Articles

CONFLITTO DI MEMORIA

Il comune di Roma sfratta la Fattoria Verde, una delle più originali esperienze ecologiche e terapeutiche, per dare lo spazio a un’associazione di estrema destra senza altri requisiti che quelli clientelari.

Ammalati di amianto

Palazzaccio. I giudici che hanno applicato nella forma più restrittiva i termini formali della prescrizione devono avere un ben strano concetto del disastro ambientale, per stabilire che esso è terminato in un giorno preciso del 1986, quando cessò la produzione negli stabilimenti italiani

La Germania ha scelto: “Puntiamo su sole e vento”

Nel 2030 sole e vento produrranno elettricità  pari a quella fornita dall’atomo ma i costi degli impianti non saranno a buon mercato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment