Aghion: “Quando lo Stato aiuta un’azienda è giusto che intervenga sulla sua strategia”

Quindi la richiesta di mettere sul tavolo i 20 miliardi di investimenti promessi è legittima?
«Sì, se si chiedono interventi alle parti sociali e istituzionali. Le logiche di mercato sono cambiate. È assurdo imporre a un’azienda di non delocalizzare, ma bisogna discuterne, parlando di piani industriali. E in questo momento sta cambiando soprattutto il ruolo dello Stato. Non è più una questione di quanto debba intervenire, ma di come».
In che senso?
«Lo Stato deve giocare un ruolo di assicuratore, nei confronti delle imprese e dei lavoratori. La flessibilità  è obbligatoria, ma l’intervallo tra un impiego e l’altro non deve essere disoccupazione, piuttosto un’opportunità  di formazione. Con uno stipendio garantito dallo Stato. Una situazione del genere spingerebbe poi i soggetti industriali ad aumentare i loro investimenti. Non è difficile, bastano lealtà  e buon senso.
Il debito pubblico dell’Italia non permette però un’operazione del genere.
«Certo, perché prima è necessaria una profonda riforma fiscale. Se la tassazione fosse più equa i cittadini sarebbero più incentivati a pagare. E sapere che meno persone evadono spinge altri a pagare. Se poi aumentassero anche i controlli, tutto sarebbe più facile. I Paesi nordici sono un ottimo modello. E se ci sta riuscendo il Cile ci può riuscire anche l’Italia.


Related Articles

Le Borse rifiatano e i tassi italiani scendono

Usa, Moody’s pronta a tagliare il rating ma la Fed promette nuovi aiuti all’economia. L’oro ha centrato un nuovo record a 1587,97 dollari l’oncia e ora vede la soglia del 1600 

Tempi d’oro per gli specialisti delle crisi Procure a caccia di imprenditori-avvoltoi

Niente di meglio, per gli speculatori, di una bella crisi aziendale. Stando alle indagini, spesso avvocati e commercialisti, oltre che gli imprenditori, costruiscono le loro fortune sulle nomine ad amministratori straordinari delle aziende in difficoltà .

L’avvocato napoletano Salvatore Castellano avrebbe intascato 70mila euro chiudendo un occhio sulle attività  di Marcel Astolfi, già  arrestato per truffa, che anziché rilanciare le aziende metalmeccaniche Lares e Metalli Preziosi di Paderno Dugnano, nel milanese, s’era portato via platino, rodio, argento e contanti per 3,5 milioni di euro. Alla faccia dei 258 lavoratori senza lavoro.

La ricerca della crescita perduta

G20 fallimentare. Minimo passo in avanti solo contro l’evasione fiscale. La tensione su Damasco potrebbe far schizzare il prezzo del greggio, stroncando la «ripresina» globale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment