Alla Maddalena la società  dei beni comuni

Tende in bell’ordine, un’organizzazione attenta a ogni dettaglio. Una tenda con i medici, un presidio di avvocati, un’attenzione assoluta alla legalità  formale e sostanziale. Il campo base regolarmente concesso dal Comune; regole condivise, attente al rispetto della natura. Nessuno può buttare per terra neppure un mozzicone spento. 5000, forse 8000 persone raccolte nella serata di domenica sera. Un palco allestito dal quale parlano intellettuali, artisti, sindacalisti, il leader di Rifondazione Paolo Ferrero, quello del Partito Comunista dei lavoratori Marco Ferrando, quello storico del movimento No Tav Alberto Perino, recentemente inquisito per reati d’opinione: autorevolissimo e rassicurante.

Viene letto un appello a fermarsi che avevamo messo insieme affannosamente nel pomeriggio (fra i firmatari anche due magistrati); viene portata la solidarietà  dei compagni del Valle occupato, anche loro in lotta per un bene comune. Il popolo dei beni comuni, impegnato nelle battaglia contro lo scempio legale, sociale e politico della Tav, discute e condivide. C’è consapevolezza di essere dalla parte della ragione, tanto formale quanto sostanziale. La strategia di resistenza fondata sulla non violenza ma sulla fisicità  “con la schiena dritta” è ribadita, ma non c’era neppure bisogno di farlo. È la conseguenza naturale della prosecuzione in Val Susa di quella lotta per la difesa dei beni comuni che implacabilmente sta cambiando gli assetti politici del nostro paese. I beni comuni sono concepibili soltanto in una logica ecologica, sono legittimati da un grande progetto costituente di lungo periodo, il solo che potrebbe salvare la vita sul pianeta. Questa logica collettiva, a differenza di quella individualizzante della proprietà  privata e dello Stato sovrano, include e non esclude, diffonde il potere, sconfigge ogni sopraffazione.
Tutto è condivisione a Chiomonte. La Libera Repubblica della Maddalena è stata, e ancora sarà , una buona pratica globale di governo locale dei beni comuni. Alla Maddalena c’era la parte migliore dell’Italia, quella che sconfiggerà  un modello di sviluppo scellerato, imposto senza alternative da un pensiero unico bipartisan. Il potere se ne accorge. Ha paura perché vede messa in discussione la sua legittimità  formale e sostanziale. Per questo risponde con la violenza dei suoi blindati, dei suoi lacrimogeni, dei suoi arresti. Il potere (di maggioranza e opposizione parlamentare) sa di essere oggi privo del sostegno politico della maggior parte del paese.
Tutti quei temi referendari che solo due settimane fa si sono rivelati maggioritari nel paese sono declinati, come in un minilaboratorio, in Val di Susa. Negli scorsi mesi la resistenza di fronte all’implacabile tenaglia dell’alleanza fra Stato e capitale privato, che produce saccheggio in nome della legalità , ha reso naturalmente coerenti (e vincenti) la battaglia per l’acqua e quella contro il nucleare. Oggi si tratta di far capire a tutto il paese che quello stesso scontro, con tutti gli stessi protagonisti sull’uno e sull’altro fronte, è in corso intorno alla Tav, un nuovo grande progetto di saccheggio. Farlo capire è difficile ora come allora, perché il blocco mediatico oscura la verità , confonde la ragione e il torto, asserisce falsità  con la stessa violenza fascista (le cose vanno chiamate col loro nome) con la quale migliaia di uomini armati ed equipaggiati di tutto punto hanno brutalizzato, nelle prime ore del mattino, quella mirabile simbiosi fra uomo e territorio che è la Libera Repubblica della Maddalena. Da oggi questo territorio, questo primo esperimento di “Società  dei beni comuni” è occupato illegalmente, governato dalla logica brutale della sopraffazione sull’uomo e sulla natura. La lotta sembra impari. Anche il referendum sull’acqua sembrava una battaglia impossibile da vincere


Related Articles

Le mani della mafia sui cantieri

 I clan si presentano con imprese che vincono perché fanno prezzi più vantaggiosi e sbaragliano il mercato Il tracciato si può sovrapporre alla mappa delle famiglie mafiose e dei loro affari nel ciclo del cemento. La Tav fa gola perché puoi nascondere sottoterra ciò che vuoi. Ti arricchisci scavando e poi anche riempiendo. La ‘ndrangheta entrò in Piemonte con i lavori del Frejus. Nel ’95 fu sciolto il primo Comune del Nord: Bardonecchia

Tendopoli private nei giardini per restare vicino alle case

Sulle brandine Centinaia di sfollati hanno trovato ospitalità  nella tendopoli di Mirandola «Mai stati in campeggio, ma ora temiamo gli sciacalli»

«Stop alle trivelle», il ministero annuncia un emendamento

No oil. «Sarà contenuto nel decreto semplificazioni», promettono dal ministero dello Sviluppo. Scettici i movimenti ambientalisti dopo i due tentativi falliti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment