Il fantasma di Fukushima

Ricordate il 1986. Mai avremmo vinto il referendum contro l’atomo non fosse stato per il divieto di consumare lattuga e latte irradiati dalla nube di Cernobyl. Chi ha l’età  per ricordare ritiene che gli effetti di quella nube radioattiva siano scolpiti indelebili nella nostra memoria. Ma così non è. Anche chi allora aveva 10-15 anni non li rammenta più, non sa nemmeno che tutto ciò avvenne. Immaginiamo cosa sa chi era infante o doveva ancora nascere. Cioè: buona parte di chi voterà  domenica 12 non ricorda che questo è il nucleare: che un disastro a 2.000 km di distanza può privarti perfino dell’innocente insalata; e che fu proprio il cortocircuito tra una verdura e un reattore a spingere alle urne milioni di italiani che altrimenti sarebbero stati conniventi, o ignari, o distratti.
C’è solo un modo per ricreare nel 2011 lo spirito del 1986. Ed è di parlare della Cernobyl dei nostri giorni. È solo a causa di Fukushima – non per particolare lungimiranza – che la Germania ha annunciato domenica la fine del nucleare entro il 2022.
Poiché è sul quorum che si gioca ogni referendum, per spingere a votare milioni di indifferenti Fukushima bisogna evocarla. Agli elettori va chiesto: se è potuto succedere nell’efficientissimo Giappone, cosa potrebbe avvenire nella nostra peciona Italia? Alla mala sanità , come alla mala spazzatura, il paese può sopravvivere (più male che bene) anche se dei cittadini muoiono. Ma al mal nucleare? Immaginiamo una centrale vicino L’Aquila al momento del terremoto, a meno di 100 km in linea d’aria da Roma. Pensiamo a cosa farebbe un sisma nel Friuli di una Padania nucleare.
Che i nostri non martellino giorno e notte con Fukushima, spinge a incrociare le dita, per scaramanzia. Ma il migliore scongiuro va depositato nell’urna.


Related Articles

Cappella Scrovegni, l’acqua insidia Giotto

È un miracolo se ancora oggi possiamo ammirare i meravigliosi affreschi di Giotto nella Cappella Scrovegni a Padova. Con tutte le nostre forze dobbiamo fare sì che il miracolo continui, perché un programmato pericolo li minaccia, proprio come avvenne nell’Ottocento, quando la chiesa era di proprietà  privata.

Granai a rischio, prezzi alle stelle così il clima ci cambia la vita

L’innalzamento della temperatura media è previsto in due o più gradi già  a partire dai prossimi anni. Subirà  gli effetti delle mutazioni tutta l’agricoltura: potrebbe ridursi di oltre il dieci per cento. Il periodo dell’abbondanza è ormai alla fine. Ci stiamo avviando a un’era di scarsità . Se un’ondata di calore colpisse Chicago ci sarebbe un’impennata dei prezzi fino al 300%

Grandi Navi, inchino alle lobby: «Sarà come in Val di Susa»

Venezia. Blitz del “Comitatone”: crociere via da San Marco in cambio di appalti al Porto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment