La democrazia della foresta

Oggi guardiamo alla foresta solo in termini di quello che possiamo sfruttare da essa: non di quello che può insegnarci. Bramiamo il suo legno, i suoi minerali, il suo ossigeno. La nostra percezione di boschi e selve è ridotta alla sigla Redd, “Ridurre le emissioni da deforestazione e degrado”, ovvero alla sua capacità  di assorbire il nostro inquinamento. Una qualità  vitale, senza dubbio. Ma la foresta è anche altro. Soprattutto, è maestra. Per la varietà  di specie che vi convivono, ha molto da insegnarci. Per questo deve essere centrale ad ogni civiltà , come lo è per la mia, quella indiana. Come scrisse il poeta Rabrindanath Tagore, la foresta è l’esempio che ispirò la democrazia indiana. Tutti i valori possono derivare dalla vita della foresta, mentre non è vero il contrario. Per questo oggi la sfida è restituire alla foresta la sua centralità . Che significa imparare a conoscerla, rispettarla – anche attraverso la disobbedienza civile contro il consumismo che la danneggia – e infine adottare leggi che riconoscano a Madre Natura i suoi diritti.


Related Articles

Contro il G7 sulla sanità: a Milano un forum internazionale per il diritto alla salute

Il 4-5 novembre a Milano. Controvertice con esperti internazionali. Gli argomenti in discussione: cambiamenti climatici, acqua, siccità e alluvioni

Napoli ancora sotto la spazzatura è fallito il miracolo di Natale

Nonostante le ripetute promesse di Berlusconi la situazione non è cambiata. Cumuli ovunque: ieri per le strade della città  c’erano 2.200 tonnellate non raccolte 

Quel tesoro di capolavori fragili che l’Italia non riesce a proteggere

Le distruzioni del patrimonio culturale feriscono la nostra memoria collettiva   Lo Stato non può abdicare alla tutela del territorio e promuovere nuove cementificazioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment