McIlroy denuncia le violenze di Belfast

“È triste vedere ciò che è accaduto nelle ultime due notti. So bene che il 99,9 percento della popolazione non vuole assistere a questo spettacolo”, si è rammaricato McIlroy. Lunedì alcune abitazioni e una chiesa di un quartiere cattolico di Belfast sono state attaccate da centinaia di unionisti armati di bombe molotov, pietre, mattoni e bombe di vernice. Gli unionisti si sono poi scontrati con alcuni cattolici usciti in strada per difendere il loro quartiere. Pare che l’attacco sia stato un’iniziativa di una frangia deviata del gruppo paramilitare unionista Ulster Volunteer Force (Uvf), conosciuto come “The Beast from the East” (La belva dell’est). L’Uvf, che durante il conflitto nordirlandese è stato responsabile della morte di 481 cattolici (in maggioranza civili), aveva ufficialmente detto addio all’attività  armata nel 2007 e smantellato il proprio arsenale nel 2009.


Related Articles

Tunisia in bianco e nero

Evento storico il 1° maggio scorso a Tunisi: per la prima volta dalla rivoluzione del 14 gennaio e forse nella storia della Tunisia indipendente, i cittadini tunisini neri hanno sfilato contro il razzismo

Cartoline da Bengasi

Nel giorno del vertice di Tripoli tra Monti e Al Keib, in migliaia assaltano la sede del Cnt nella seconda città  libica. In fuga il presidente Jalil, che scampa per «miracolo» all’aggressione. E a Roma si dimette l’ambasciatore Gaddur

L’asfissiante stretta di Bruxelles

Vlahovic

In nome dell’interesse generale europeo, Bruxelles è costretta a fare pressione sui suoi membri. Tuttavia la Romania, l’Ungheria e l’Italia mostrano che l’effetto può essere nefasto e provocare un indebolimento della società  civile e delle culture locali.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment