Referendum: raggiunto il quorum

A urne chiuse, ancora prima di sapere l’esito del referendum abrogativo, a vincere è stata soprattutto la partecipazione dei cittadini, arrivati in massa per votare, sia nella giornata di ieri, durante la quale l’affluenza aveva già  raggiunto il 41,%, sianella mattinata di oggi, che ha permesso ilraggiungimento del quorum come anticipato anche dal Ministro degli interni

Un esito che rende sostanzialmente inutile il contributo degli italiani all’estero, rimasto un enigma fino alla fine, mentre tra i quesiti proposti, hanno riscossomaggior successo quelli sull’acqua e il nucleare. In attesa di conoscere il risultato elettorale definitivo che si può seguire sul sito del Viminale quindi, la prima grande vera battaglia del quorum sembra vinta, soprattutto perché l’ultimo referendum che hasuperato il 50%+1 risale ormai al lontano 1995.

Stando alle proiezioni, le regioni in cui si è registrata una maggiore partecipazionecittadini sono Lombardia ed Emilia Romagna, seguita dalla Toscana; quella in cui ivotanti sono stati più refrattari invece troviamo la Calabria, dove ieri sera alle 22(orario di chiusura delle urne) il tasso di voto si è fermato al 33,26%.

E cominciano ad arrivare anche i primi commenti. A partire da quello di Greenpeace in prima linea nella campagna a favore dei referendum: “A scrutinio non ancora concluso, appare chiaro che più della metà  degli italiani ha deciso di esprimersi su temi importanti per tutti noi, sconfiggendo anche la scarsa attenzione della televisione che poco e male ha informato l’opinione pubblica sul Referendum. – si legge nella nota dell’associazione arcobaleno – Gli italiani hanno dimostrato grande responsabilità  e hanno ribadito – votando in massa al Referendum – di volere decidere del proprio futuro, in particolare su un tema come quello del nucleare che impegnerebbe il Paese per centinaia di anni.

Raggiungere il quorum ai Referendum, per la prima volta dopo sedici anni, è un risultato storico che solo poche settimane fa sembrava impossibile – commenta Salvatore Barbera, responsabile della campagna Nucleare di Greenpeace Italia – Greenpeace è stata in prima linea in questa campagna sin dall’inizio e siamo fieri di aver contribuito alla vittoria della società  civile, dei Comitati, delle associazioni e delle centinaia di migliaia di persone che spontaneamente si sono mobilitare sul territorio e attraverso il web per informare e convincere gli elettori dell’importanza di andare a votare“.

E’ un’Italia capace di futuro, quella che ha contribuito al raggiungimento del quorum (come emerge dai primi dati e dalle proiezioni al momento disponibili). Fuori dai canali ufficiali dei media generalisti, mille volti e mille voci in rete non hanno ceduto alla consegna del silenzio o dell’indifferenza, dimostrando una voglia di partecipazione impetuosa, che si è espressa attraverso canali di comunicazione non convenzionali. Il popolo italiano ha voluto dire la sua su scelte fondamentali per il futuro della comunità  nazionale quali quelle relative alla gestione dell’energia e dell’acqua, nel rispetto del principio di equità  sociale e tra la attuali generazioni e quelle future.”, ha commentato il presidente del WWF Italia, Stefano Leoni.


Related Articles

Come ritrovare il senso di un anticapitalismo ecologico

Scenari. Il nesso tra le sofferenze umane e quelle del mondo della natura, ha aiutato a dissolvere anche il senso di un “anticapitalismo” incapace di cogliere la centralità dell’ecologia

La Cassazione: “Stop al sistema di difesa Usa”

RESTA SEQUESTRATO IL “MUOS”, IL RADAR SATELLITARE AMERICANO CONTESTATO DAGLI AMBIENTALISTI A NISCEMI

Referendum: effetto boomerang dello scippo

Confindustria parla ed il governo, zelante esegue. O almeno ci prova. Oggi per tutti gli italiani il referendum sul nucleare non c’è più. Una gran parte ne erano comunque ignari, grazie alla strategia del silenzio. Un’altra parte ha letto sui giornali che oltre al referendum sul nucleare salteranno anche quelli sull’acqua, perché il ministro Romani ha dichiarato ad una trasmissione radiofonica che una soluzione legislativa per scongiurare il voto sull’acqua sarebbe auspicabile.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment