Anziani sempre più soli, le donne portano il peso più gravoso

ROMA – Anziane, sole e in condizioni di difficoltà  economica o relazionale: le donne sono la parte più fragile e vulnerabile tra gli anziani. Lo conferma il IV rapporto Auser presentato oggi a Roma, secondo cui oltre il 70% delle richieste di aiuto arrivate nel 2010 al Filo d’argento proveniva proprio dalla componente femminile. Nel complesso, lo scorso anno gli operatori telefonici e i volontari hanno incontrato 455.569 anziani (20mila in più rispetto al 2009) attraverso il numero verde, altri numeri telefonici e contatti diretti. La maggior parte delle richieste (264.633, il 62%) proveniva dalla Lombardia e, a seguire, dal Veneto (40.152), dal Piemonte (35 mila) e dalla Toscana (31 mila).

Le donne, dunque, rappresentano la fetta più consistente dell’utenza: il loro numero è maggiore al Nord anche se, in termini relativi, la loro incidenza risulta notevole nelle regioni del meridione, dove supera la quota dell’85% degli utenti. “All’origine della bassa incidenza maschile nel Mezzogiorno sono soprattutto motivazioni culturali e comportamenti sociali radicati – si spiega dall’associazione -, in base ai quali pare che gli uomini incontrino maggiori difficoltà  a chiedere esplicitamente aiuto”.

Secondo i dati del report, oltre la metà  degli utenti del 2010 (60%) è composta da over75 e, tra questi, il 20% supera gli 85 anni. È in aumento il numero di “non anziani”, cioè di under65, mentre il restante 23,2% ha un’età  compresa tra i 65 e il 74 anni. In generale, chi si rivolge all’Auser vive da solo (76,4%). Alta è la percentuale di persone già  note all’associazione, che sono tornate a chiedere servizi (51,8%), ma si registra anche un aumento delle nuove richieste (48,2%, +0,4%). La Liguria è la regione in cui l’incidenza dei nuovi utenti è maggiore (95,9%), seguita dal Piemonte (81,7%) e dall’Umbria (77,9%).

La gamma delle domande di aiuto è varia: dalla compagnia telefonica alle informazioni sui servizi del territorio, dai piccoli interventi domiciliari alla consegna di spesa e farmaci. Molto richiesto è il servizio di trasporto, la cui domanda è in continuo aumento (vedi lancio precedente). In particolare cresce l’accompagnamento (+21%) mentre risultano nel 2010 più del doppio rispetto al 2009 i trasporti con macchine attrezzate. Anche la compagnia telefonica e gli interventi di socialità  vedono un cospicuo aumento, rispettivamente del 18,5% e del 73,9%. Calano in modo significativo, invece interventi come la consegna dei farmaci (-58,1%) o la compagnia a domicilio (-14,8%) o per uscite (-37,9%), servizio comunque molto richiesto dagli anziani con più di 75 anni. (gig)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Canapa, Obama come Bush

 A metà  ottobre i quattro procuratori federali della California hanno annunciato una campagna di «azioni repressive coordinate contro l’industria illegale della marijuana». I procuratori intendono procedere con azioni di confisca delle proprietà  in cui operano i dispensari di marijuana medica, con incriminazioni e diffide dei locatari.

I periti: “I medici non capirono patologia La morte di Cucchi era prevedibile”

I periti: "I medici non capirono patologia La morte di Cucchi era prevedibile" Stefano Cucchi

Il processo sul decesso del ragazzo, avvenuto il 21 ottobre del 2009 nel reparto giudiziario dell’ospedale Pertini a pochi giorni dal suo arresto, è stato aggiornato al 30 gennaio. Il padre: “Ipotecata casa per affrontare le spese giudiziarie”

Sono oltre 22 mila in Italia i disabili avviati al lavoro nel 2011

I giudici ritengono che l’Italia non abbia recepito correttamente la direttiva sulla parità di trattamento. Nel 2011 in calo le assunzioni, sono oltre 19.600. Gli iscritti alle liste speciali poco più di 644 mila

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment