Aumenti, agli uomini il 2,7%in più

Peccato però che si riferisca alle posizioni manageriali, incontrastato campo maschile, e che a parità  di ruolo, e quindi di complessità  da gestire, non ci sia motivo che determini remunerazioni diverse. L’analisi— Questo aspetto è sottolineato da Chiara Paolino, estentrice della ricerca elaborata dall’osservatorio sul Diversity Management della Sda Bocconi, in collaborazione con Hay Group Italia, su un campione di 222 aziende e oltre 8 mila dirigenti. «Questo dato evidenzia una netta e chiara discriminazione di genere, enfatizzata anche dal fatto che sulle posizioni manageriali il confronto è fra i molti uomini e le poche donne che le ricoprono. Inoltre, e questo dato è forse ancora più “forte”, ad ogni passaggio di carriera gli uomini incrementano la loro remunerazione del 2,7%in più rispetto alle colleghe. Ma c’è altro: a parità  di ruolo, gli incentivi a target prefissati (e quindi ipotizzati e scommessi rispetto alle potenzialità  del collaboratore) sono inferiori del 6,4%e quelli effettivamente erogati del 5%» .
La forbice salariale — Se invece consideriamo l’osservatorio di Mercer — società  di consulenza organizzativa —, costituito esclusivamente da grandi aziende strutturate e multinazionali, osserviamo— come ci dice Marco Morelli, partner e responsabile Italia Human Capital — che «non ci sono significative differenze retributive fra i dirigenti che riportano direttamente all’amministratore delegato, anche se pure in questo caso le donne sono una assoluta minoranza. La forbice salariale invece aumenta di più del 10%per quanto riguarda quella popolazione femminile sempre più numerosa di dirigenti di prima nomina e quella immediatamente successiva di “professional”che ricoprono posizioni-chiave per l’azienda; ancora di più quindi rispetto ai dati Bocconi. I motivi potrebbero riguardare la minore disponibilità  di tempo, ma anche la maggiore gioventù nel ruolo, che porta oggi giovani determinate e estremamente competenti a ricoprire posizioni equivalenti a quelle di uomini con maggiore anzianità  nel ruolo» .


Related Articles

Il no delle opposizioni. Il sindacato boccia i ritocchi

 ROMA — No al punto in più di Iva, sì a un’imposta ordinaria sui grandi patrimoni immobiliari. Carica a testa bassa il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, che contesta l’idea di fondo di una manovra «inefficace e iniqua»: così, infatti, il governo intende «scaricare il peso del risanamento su molti per tenere al riparo qualcuno…».

Camusso: “Renzi, sono questi i veri eroi”

La protesta contro il Jobs Act. Camusso replica al premier, e dalla manifestazione dei lavoratori agricoli Flai e Uila chiede più tutele e uno stop ai tagli. Già pronta una richiesta per Natale: “Il capo del governo vada a visitare le braccianti rumene di Ragusa violate dai padroni”

Prezzi della spesa su del 4,4% e luce e gas rincarano ancora

A giugno inflazione generale in rialzo del 3,3%: pesano alimentari ed energia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment