Casa, stangata fiscale da 2 miliardi la cedolare sugli affitti salirà  al 25%

Non c’è solo il ritorno dell’Irpef sulla prima casa. Quella che si profila sul fronte immobiliare somiglia a una vera e propria stangata fiscale, che taglierà  tutte le agevolazioni e aumenterà  dal 21 al 25,2% la cedolare secca appena introdotta sugli affitti. Oltre 10 miliardi di euro di sconti fiscali per la casa saranno «alleggeriti» dalla manovra economica. I tagli arriveranno in due tranches: nel 2013 il 5% in meno, circa 500 milioni di euro; l’anno dopo il 20%: 2 miliardi. Ce ne sarà  per tutti: per chi possiede la casa in cui abita, per chi dà  in affitto il proprio immobile, per chi fa lavori di ristrutturazione, e infine per gli stessi inquilini. Ma procediamo con ordine.
I proprietari di prime case. Oltre al ritorno dell’Irpef sulla prima casa a partire dai redditi 2013 e 2014, i proprietari subiranno tagli alle agevolazioni, a cominciare da quelle fiscali per l’acquisto della prima casa. Ma sarà  ridotta anche la detrazione Irpef per gli interessi passivi sui mutui prima casa (19% su un tetto massimo di spesa di 4 mila euro annui). Limitata infine la detrazione Irpef per le provvigioni pagate ai mediatori immobiliari per l’acquisto dell’abitazione principale (19% su un importo massimo di mille euro annui).
I proprietari che affittano l’immobile. Qui è a rischio la novità  fiscale del 2011, ovvero la cedolare secca sugli affitti che, da quest’anno, prevede un’imposta unica del 21% sugli affitti relativi a contratti di locazione di immobili ad uso abitativo (19% per i contratti agevolati che prevedono un affitto inferiore a quello di mercato). Ebbene, con il taglio alle agevolazioni, la cedolare salirà  a regime dal 21 al 25,2 per cento. Immediata la richiesta di chiarimenti di Confedilizia, secondo cui a questo punto rischiano di cambiare di nuovo le convenienze fiscali dei proprietari. A rischio anche la deduzione forfetaria del 15% sui redditi da locazione che viene riconosciuta ai proprietari a fronte dei costi sostenuti per l’immobile (manutenzione, imposte, ecc.) e l’ulteriore deduzione del 30% ai proprietari che affittano con canone concordato.
I proprietari che fanno lavori in casa. Qui entra in gioco il ricorso agli sconti Irpef sulle ristrutturazioni e sui lavori di risparmio energetico. Due misure particolarmente amate dagli italiane e che vengono di solito rinnovate di anno in anno. Ebbene, il bonus del 36% sui lavori di recupero edilizio si ridurrà  al 28,8, mentre quello del 55% su interventi mirati al risparmio energetico calerà  al 44 per cento.
Gli inquilini. Anche le detrazioni fiscali previste per gli inquilini a sostegno del costo dell’affitto di casa saranno investite dal taglio del 5% nel 2013 e del 20% nel 2014. Si va dalla detrazione di 300 e 150 euro per l’affitto dell’abitazione principale, alla detrazione triennale di 991,60 euro per i giovani inquilini tra i 20 e i 30 anni, per passare, poi, ai 495,80 euro e ai 247,90 euro per i contribuenti intestatari di contratti con affitto concordato.
A rischio anche le detrazioni per i lavoratori dipendenti che abbiano trasferito la residenza nel comune di lavoro (991,60 e 495,80 euro per i primi tre anni).


Related Articles

Fmi: fase pericolosa, rischi in aumento

Trichet sollecita riforme immediate. Bankitalia: più liquidità  dalle banche centrali.  Il presidente della Bce al meeting di Jackson Hole evita di parlare dei debiti sovrani e insiste sull’innovazione “vero driver della crescita”

Etruria, il pm Rossi «scagiona» Boschi, il PD attacca Bankitalia

Il procuratore di Arezzo: strano che palazzo Koch incentivasse la fusione con la Popolare di Vicenza. Dem all’attacco. Orfini: «Emerge la vera responsabilità. Chiederemo conto a Visco e Vegas»

Il capogruppo di Syriza: «Una scommessa per tutta l’Europa»

Grecia/intervista. Nikos Filis: «Tutti si assumano le proprie responsabilità. Noi per i greci siamo il nuovo. Ora la fase è cambiata e serve ancora una legittimazione politica. Alle elezioni con un processo interno unitario»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment