Cuba. La trans “traditrice” fa infuriare il regime

«Con la Rivoluzione, tutto; contro la Rivoluzione, niente», questa famosa frase di Fidel dev’essere riecheggiata nell’ufficio di sua nipote Mariela, figlia minore di Raul, che all’Avana dirige il Centro nazionale di educazione sessuale (Cenesex). In questi giorni Mariela ha infatti licenziato una sua discepola, forse la più amata, colpevole di essere andata a letto con il nemico. La peccatrice è una bella transessuale “habanera” che si chiama Wendy Iriepa, ha 36 anni, e da tempo lavora come assistente personale di Mariela.
I rapporti fra Wendy e Mariela si sono rovinati quando la figlia del presidente cubano ha saputo che la sua assistente si sarebbe sposata con un omosessuale, Ignacio Estrada, che milita in una organizzazione legata al dissenso ed è stato promotore di un Gay Pride indipendente nella capitale cubana. «L’ho invitata al mio matrimonio – ha raccontato Wendy – e lei all’inizio voleva essere il mio testimone ma quando ha saputo che lo sposo era Ignacio mi ha detto che non poteva neppure venire perché lui è un dissidente. Da quel giorno ha cominciato a vedermi come una minaccia, un pericolo».
Nel Cenesex Wendy aveva un incarico di fiducia, era perfino colei che assaggiava i pasti che poi la figlia di Raul consumava, apriva i pacchi diretti a Mariela e controllava per prima i regali che riceveva. Una sorta di bodyguard che si occupava anche di proteggere Mariela da eventuali attentati. Dopo l’annuncio del suo matrimonio ha perso il posto. «Mi ha allontanato, mi ha detto di andare a fare le pulizie nelle stanze del Centro e mi ha consigliato di presentare le mie dimissioni».
Ma Wendy non era solo una fedele collaboratrice di Mariela, era diventata in questi anni una sorta di emblema dell’istituto diretto dalla nipote di Fidel. Seguiva Mariela in tutti gli appuntamenti e nei Congressi internazionali presentata come un simbolo del nuovo corso cubano in fatto di sessualità . Infatti se suo zio (Fidel) e suo padre (Raul) avevano costruito lager per la rieducazione degli omosessuali, lei (Mariela) lottava contro il maschilismo dei cubani per affermare i loro diritti. E Wendy era un testimonial perfetto. Da piccola, quando era stata registrata all’anagrafe come maschio, era stata maltrattata dai suoi genitori perché giocava con le bambole, discriminata a scuola e spedita in un riformatorio. La svolta quando incontrò Mariela che la accolse nel suo centro libertario, la aiutò ad operarsi, e a cambiare identità  da uomo a donna.
Per il suo lavoro a favore delle minoranze sessuali Mariela Castro è diventata in questi anni un fiore all’occhiello del regime. Intervistata dal New York Times e corteggiata dai settimanali si è cucita addosso l’immagine antidogmatica e anticonformista di un potenziale leader riformista. Tanto che, insieme al fratello Alejandro, è salita nelle top ten per il futuro ormai prossimo del castrismo senza Fidel e senza Raul. Evidentemente però le libertà  sessuali sono una cosa e quelle politiche tutt’altra. Senza dimenticare che Wendy ha scelto un giorno davvero sbagliato per sposare il suo Ignacio: il 13 agosto, data del compleanno numero 85 di zio Fidel. Così testimone di nozze sarà  una grande nemica di Mariela: Yoani Sanchez, la blogger dissidente, che quando ha ricevuto l’invito della coppia ha accettato subito.


Related Articles

Il pericolo che viene dalle Ande

USA/AMERICALATINA Una inquietante riunione nei saloni del Congresso di Washington
Il grido d’allarme delll’ultra-destra statunitense e latino-americana

Il nuovo rais

Egitto. Trionfano i “sì” al referendum sulla Costituzione. Preparando l’ascesa alla massima carica dello Stato di Abdel Fattah Al-Sisi, Più che approvare il testo proposto, il voto serve a legittimare il golpe del 3 luglio. il “nuovo Nasser”

Assedio al palazzo di Morsi “L’Egitto non è tuo, vattene”

Rotte le transenne. Il presidente apre sul referendum: rinvio possibile   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment