Exxon, disastro ecologico in Montana

 MILANO – Un oleodotto della Exxon Mobil ha riversato un migliaio di barili di greggio nel fiume Yellowstone nel Montana ed è stato chiuso. Lo ha reso noto la stessa compagnia petrolifera americana. Dirigenti della Exxon hanno affermato ieri che ci sono tracce di petrolio lungo 10 miglia, 16 km circa, nel corso del fiume e che la fuoriuscita di greggio è stata scoperta sabato mattina. L’oleodotto è limitato al Montana e a regime trasporta 40 mila barili al giorno. Le cause della perdita restano da accertare. Il governatore del Montana, Brian Schweitzer, ha espresso dubbi sull’affermazione della Exxon Mobil che il petrolio ha contaminato solo 16 km del corso del fiume.

Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana Il disastro ecologico in Montana

L’INCIDENTE – «Questa è una zona molto selvaggia, e loro non hanno alcuna idea se sono 5, 50, o 100 miglia, stanno tirando a indovinare», ha detto il governatore, un democratico intervistato dalla Reuters. Il fiume Yellowstone, lungo oltre 1.100 km e principale affluente dell’alto corso del Missouri, nasce nel nord ovest del Wyoming, scorre attraverso il Parco nazionale che porta il suo nome e passa poi nel Montana, prima di confluire infine nel Missouri dopo un breve tratto nel Nord Dakota. Secondo media americani on line, 140 persone erano state subito evacuate per tema di un’esplosione, ma ora il pericolo è rientrato. Restano tutti da accertare i danni all’ambiente causati dagli almeno 160 mila litri di greggio finiti nel fiume (un barile è pari a circa 163 litri). Il presidente della Exxon Mobil, Gary Pruessing, ha dichiarato che la compagnia ha inviato nel Montana 70 persone per ripulire e capire cosa abbia causato la perdite di greggio e che vengono impiegati aerei per monitorare le rive del fiume e rilevare eventuali danni ambientali.

IL PRECEDENTE – Più di un anno fa l’esplosione (aprile del 2010) della piattaforma DeepWater Horizon, circa 80 chilometri al largo di New Orleans, causò 11 morti e la fuoriuscita di quasi cinque milioni di barili di greggio nel Golfo del Messico fino alla chiusura del pozzo solamente quattro mesi dopo. Il colosso petrolifero britannico Bp si è impegnato a versare un miliardo di dollari per ripulire e preservare le coste del Golfo del Messico devastate dalla fuga del greggio.


Related Articles

L’Aquila, i terreni che fanno gola alla Curia. Cei e Caritas contro il sindaco

TERREMOTO E RICOSTRUZIONE Dopo Famiglia Cristiana scende in campo anche L’Avvenire: «17 progetti bloccati dalla giunta di Cialente»

“Evacuiamo il rione dell’Ilva”, bufera su Clini

 Il ministro: è una possibilità . L’assessore pugliese: così crea allarmismo tra gli abitanti dei Tamburi   

Fori pedonali:ultima sfida del sindaco Marino

Marino prepara la delibera: “Un regalo ai romani prima di andarmene. Nessuno c’era mai riuscito” Dopo le auto, l’area archeologica sarà chiusa anche ai taxi e agli autobus. Residenti sul piede di guerra

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment