In ricordo dei ragazzi di Oslo

Lo sembrava, particolarmente, la Norvegia. Nella classifica dei paesi del mondo in cui si vive meglio, stilata dal Programma per lo Sviluppo dell’Umanità  delle Nazioni Unite, alla Norvegia è stato assegnato nel 2009 il primo posto. La popolazione – poco meno di cinque milioni- gode ottima salute, la mortalità  infantile è estremamente bassa. Secondo il World Economic Forum la Norvegia ha realizzato il livello più alto nel mondo di parità  tra i sessi. Il livello di povertà  relativa è molto basso, l’alfabetismo è virtualmente pari al 100% e quasi tutta la popolazione ha compiuto gli studi di scuola media superiore.
Questo diffuso benessere sociale non va affatto a scapito, come sostiene un vecchio pregiudizio “liberale”, dell’efficienza economica. Sempre secondo il World Economic Forum, Svezia Danimarca e Norvegia stanno nei primi sei posti su 104 paesi nella classifica della competitività  economica, nella quale l’Italia è recentemente arretrata dal quarantunesimo al quarantasettesimo posto. Quello dei paesi scandinavi, insomma, merita pienamente il nome di socialismo reale, indebitamente e surrettiziamente attribuito alla mostruosa caricatura del socialismo sovietico. Anche il Padreterno sembra disposto a una particolare benevolenza verso la Norvegia, cui ha attribuito la scoperta di vasti giacimenti di petrolio sottomarino che l’hanno promossa ai primi posti dei produttori ed esportatori mondiali. C’è chi afferma che questi beni di Dio sono pagati dai norvegesi e in genere dagli scandinavi, con un alto tasso di noia, oltre che con un clima inclemente. Certo a Scampia c’è sole e non si muore di noia. Ma di altro.
Le ragioni del successo scandinavo? Un sistema di politica dei redditi equilibrato, un sistema di diritti sociali generoso, e soprattutto un allenamento all’educazione politica che ha fatto di un popolo originariamente tra i più aggressivi del mondo una comunità  solidale e aperta. Quella comunità  è esposta oggi al trauma dell’immigrazione. Poca cosa, ancora: il due-tre percento della popolazione. Ma i soggetti più retrivi, che stanno al fondo di ogni società  lo subiscono come una minaccia all’identità , come un segnale d’allarme che si avvelena in frustrazione e in odio. Non bisogna sottovalutare questi portatori di germi. In tempi di crisi possono generare contagi dirompenti. È già  successo nell’Europa di ieri. Potrebbe riprodursi in quella di oggi. Talvolta la storia mette in scena nella realtà  immagini di densa forza simbolica. Come quella dell’odio selvaggio di un algido imbecille scatenato contro una festa serena.
A dieci giorni dalla strage, noi vogliamo cancellare quella scena dalla nostra mente. Noi vogliamo ricordare quelle ragazze, quei ragazzi nel tranquillo clamore delle loro conversazioni. Delle risa, dei gridi, dei canti. Prima che l’algido imbecille irrompesse a togliergli il loro futuro. Vorremmo tanto, quel futuro, restituirglielo con una impossibile correzione della verità , potergli dire ragazzi non è successo niente. Era solo un imbecille. Continuate così.


Related Articles

Sgambetti (frequenti) tra alleati Quando il doppiogioco è la regola

Storie di amichevoli tradimenti dall’Europa al Medio Oriente

Tutti gli affari degli ex politici che la Ue non riesce a fermare

Da Kohl a Schroeder, la lobby tedesca dei maxi stipendi   

La tedesca Pegida raduna vicino Praga l’internazionale anti-islamica europea

I partecipanti del convegno hanno infatti sottoscritto un documento, la Dichiarazione di Praga, con cui hanno convocato per il 6 febbraio manifestazioni in diverse città europee

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment